Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.124,91
    +319,70 (+1,29%)
     
  • Dow Jones

    35.040,22
    +216,87 (+0,62%)
     
  • Nasdaq

    14.830,86
    +146,26 (+1,00%)
     
  • Nikkei 225

    27.548,00
    +159,80 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    71,94
    +0,03 (+0,04%)
     
  • BTC-EUR

    27.364,85
    -370,60 (-1,34%)
     
  • CMC Crypto 200

    778,21
    -15,52 (-1,96%)
     
  • Oro

    1.802,10
    -3,30 (-0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,1774
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    4.409,67
    +42,19 (+0,97%)
     
  • HANG SENG

    27.321,98
    -401,86 (-1,45%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.109,10
    +50,05 (+1,23%)
     
  • EUR/GBP

    0,8555
    +0,0008 (+0,09%)
     
  • EUR/CHF

    1,0831
    +0,0014 (+0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,4799
    +0,0018 (+0,12%)
     

Produzione industriale,Istat: settembre -0,4%,media 3 trim-0,5% -2-

Roma, 11 nov. (askanews) - Secondo Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor il quadro dell'attività manifatturiera in Italia è "decisamente preoccupante in quanto rispetto al massimo ante-crisi dell'aprile 2008, in settembre si registra ancora un calo di ben il 20,6%. E' un dato che si commenta da solo, ma che appare ancora più grave se si considera l'importanza del settore manifatturiero per l'economia italiana". "Occorre quindi - sottolinea Quagliano in una nota - un'energica e convinta azione di governo per ridare slancio alla produzione industriale in Italia. Non è certo un obiettivo facile, ma è assolutamente essenziale dato che il Pil è attestato su livelli inferiori del 4,3% rispetto al 2007, cioè rispetto all'anno che ha preceduto la grande crisi, grande crisi che in tutto il mondo è un lontano ricordo, ma che invece in Italia morde ancora".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli