Italia Markets closed

Progenie deforme del sistema bancario centrale keynesiano

Francesco Simoncelli
 

Circa 119 miliardari hanno partecipato al meeting di Davos quest'anno, più Trump ovviamente. Il patrimonio netto dei miliardari del mondo nel 2000 era di $1000 miliardi secondo Forbes, oggi invece siamo arrivati a poco meno di $10.000 miliardi. Quindi questa gente ora ha un patrimonio netto maggiore del 60% della popolazione mondiale. Stiamo parlando di 4,6 miliardi di persone!

Ovviamente nessuno qui si vuole unire alla brigata Bernie Sanders/AOC. In un mondo in cui regnerebbero libero mercato, denaro sano ed onesto e governo de minimis, allora più miliardari ci sarebbero meglio starebbero tutti. Ma ciò di cui dubitiamo è che ci sia stata una base onesta e sostenibile per un guadagno di 10 volte il patrimonio netto dei miliardari in un periodo di due decadi in cui il PIL nominale del mondo è salito da $35.000 miliardi ad $85.000 miliardi, o del 2,4X.

Dopotutto, gli asset finanziari che comprendono il patrimonio netto mondiale sono semplicemente la capitalizzazione del suo reddito o PIL sottostante. E non vi è alcuna base né in economia né in matematica affinché i primi crescano quasi quattro volte più velocemente del secondo per due decenni consecutivi.

Detto in altro modo, a meno che le antiche leggi sul denaro sano ed onesto non siano state abrogate dagli stessi dei economici, la gente di Davos si appresta a diventare qualcosa di raro come l'uomo di Neanderthal o, più precisamente, l'uomo di Piltdown.

Quest'ultimo era stato propagandato da alcuni furfanti nel 1912 come un homo sapiens di 500.000 anni e l'anello mancante dell'evoluzione. Purtroppo era uno scheletro umano vecchio di 50.000 anni, fuso con la mascella e i denti di un moderno orangutan.

Ci sono voluti circa tre decenni al mondo per capire che l'uomo di Piltdown era una bufala, ma la bufala della gente di Davos è stata già sbugiardata in un solo giorno. Questo perché tollerando persino l'isteria disfattista di Greta e le scemenze di Donald sulla ripresa statunitense, i miliardari riuniti stanno dimostrando di non essere dei geni dopo tutto, ma solo dei cacciatori di bolle che seguono le pazzie delle banche centrali.

Gente, queste sono solo fesserie. Siamo alla fine della fase espansiva del ciclo economico più lunga e più debole della storia (mese n° 127), eppure il reddito familiare reale mediano è appena tornato al punto in cui si trovava due decenni fa. L'idea che Trump possa spianare la strada al "più alto tenore di vita che chiunque possa immaginare" è semplicemente ridicola.

I fatti mostrano che lo standard di vita negli Stati Uniti è rimasto stagnante per due decenni, aumentando e diminuendo con il ciclo economico, ma guadagnando in media la grande somma di $87 all'anno sin dal 1999.

Proprio così. Come mostrato nel grafico qui sotto, la media di $63.179 riportata per il 2018 è senza dubbio il miglior punteggio per gli anni a venire, ma rappresenta un guadagno del 2,7% rispetto al livello di $61.526 registrato nel 1999.

Mentre i dati per il 2019 non sono ancora disponibili, è evidente che le varie categorie di guadagno dell'anno scorso sono state a malapena al passo con l'inflazione, il che significa che il reddito familiare reale mediano è risultato piatto. Pertanto la prossima recessione farà abbassare considerevolmente le barre nere, come accaduto durante e dopo ciascuna delle recessioni contrassegnate dallo spazio bianco.

Ecco il punto: le politiche di Donald hanno danneggiato immensamente le basi su cui poggia l'attuale ciclo economico. Tuttavia non vi è stato alcun vantaggio a breve termine in termini di accelerazione della crescita complessiva del PIL e in realtà una forte decelerazione degli investimenti delle imprese e della crescita delle esportazioni.

Allo stesso modo, il decantato 70% del PIL attribuibile alla spesa per consumi personali (PCE) è stato essenzialmente mantenuto in vita dai prestiti.

Quasi il 67% dell'aumento delle spese per consumi personali dal 4° trimestre 2012, quando l'economia americana si era completamente ripresa dalla Grande Recessione, è stato rappresentato dalla crescita del debito delle famiglie. Quest'ultimo (barre viola) è salito di $2.400 miliardi, ad un livello record di $16.000 miliardi rispetto ad una crescita del consumo personale (PCE) di soli $3.600 miliardi nello stesso periodo di 81 mesi.

Ciò che i feticisti della "economia forte" dimenticano è che prima o poi bisogna ripagare i propri debiti. Bisognerebbe farlo durante la fase di crescita del ciclo, ma ciò non è affatto accaduto.

Quindi Trump può vantarsi, solo davanti alla platea della gente di Davos, della più grande economia di sempre, ma questo non nasconde l'insostenibile marciume economico e monetario su cui si basa.

Alla fine, ciò che Donald sta osservando è semplicemente lo slancio residuo di un'economia indebolita, indebolita dalla crescita che ha ereditato, e ciò che la gente di Davos chiama un'economia "forte" è in realtà un simulacro di un boom economico: una finzione racchiusa in prezzi delle azioni e opzioni su azioni artificialmente e irrazionalmente in aumento.

La verità è che ci stiamo dirigendo verso lo Strang-und-Drang dei turbolenti anni venti, ma i presunti adulti a Davos non ne ha idea. Apparentemente pensano che la fantasia trentennale di un'America dedita ai pasti gratis e alla guerra sfrenata sia sostenibile indefinitamente.

Non è così. Se siete seduti su valori azionari fantasmagorici e non sudate per le implicazioni di un bilancio da $25.000 miliardi delle banche centrali, i $255.000 miliardi di debito del mondo, il monumentale default dello Schema Rosso di Ponzi, la guerra di Donald al commercio, gli immigrati e il buonsenso fiscale, la guerra bipartisan al governo costituzionale in America, la pretesa dell'Impero di extraterritorialità globale e il comando/controllo statale crescente in nome di una finta crisi climatica, siete molto molto distratti.

Ecco un grafico dei guadagni netti negli Stati Uniti rispetto al reddito nazionale (PIL) sin dal 4° trimestre 2000. Inutile dire che il grafico parla da sé.

  • Il patrimonio netto dell'1% superiore (linea marrone) è salito da $11.800 miliardi a $34.500 miliardi, o del 193%;
  • Il PIL nominale è salito da $10.500 miliardi a $21.500 miliardi, o del 106%;
  • Il patrimonio netto del 50% inferiore è cresciuto da $1.400 miliardi a $1.700 miliardi, o solo del 17%.

Inutile dire che quando la ricchezza dell'1% superiore (1,3 milioni di famiglie) sta crescendo a quasi il doppio del tasso di reddito nazionale e di 11 volte più della metà inferiore delle famiglie (63,5 milioni), non c'è assolutamente nulla di sostenibile. In realtà è la ragione per cui la vera minaccia di estinzione non è quella di cui Greta sta starnazzando.

E se non riescono a dire che Trump è il più grande ciarlatano economico che abbia mai ricoperto la carica di alto rango nella più grande economia del mondo, allora meritano davvero il loro destino.

di David Stockman

Traduzione di Francesco Simoncelli

Autore: Francesco Simoncelli Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online