Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.075,71
    +484,44 (+1,64%)
     
  • Nasdaq

    12.039,04
    +158,40 (+1,33%)
     
  • Nikkei 225

    26.165,59
    +638,22 (+2,50%)
     
  • EUR/USD

    1,1882
    +0,0037 (+0,31%)
     
  • BTC-EUR

    16.106,94
    +525,80 (+3,37%)
     
  • CMC Crypto 200

    379,28
    +9,53 (+2,58%)
     
  • HANG SENG

    26.588,20
    +102,00 (+0,39%)
     
  • S&P 500

    3.638,20
    +60,61 (+1,69%)
     

'Progetto nocciola Italia' per una filiera 100% italiana

webinfo@adnkronos.com

L’Italia è il secondo produttore mondiale di nocciole, con ottime prospettive di crescita grazie ad un territorio particolarmente vocato alla coltivazione di nocciole di qualità. Per questo il gruppo Ferrero nell’aprile 2018 ha lanciato il progetto ‘nocciola Italia’ che mira a sviluppare una produzione corilicola 100% italiana, attraverso la creazione di un sistema di sviluppo territoriale, condiviso con gli attori della filiera, a sostegno degli imprenditori agricoli italiani.

La decisione parte dalla considerazione che se l’Italia rappresenta oggi il secondo player a livello mondiale con una quota di mercato di circa il 12% della produzione globale di nocciola e segue a distanza la Turchia che rappresenta il 70% del mercato complessivo, ha, però, un grande potenziale di sviluppo grazie ad un territorio che, da Nord a Sud, è particolarmente vocato alla coltivazione di eccellenti varietà di nocciola.

Ad oggi in Italia vengono dedicati oltre 70.000 ettari di terreno alla coltura della nocciola, con una produzione media di nocciola in guscio di circa 110.000 tonnellate/anno (dato medio/anno ultimi 10 anni). L’obiettivo auspicato dal Piano Nocciola Italia è quello che, entro il 2025, 20.000 ettari di nuove piantagioni di noccioleto (+30% circa dell’attuale superficie) possano essere sviluppate.