Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.768,51
    -317,53 (-0,93%)
     
  • Nasdaq

    11.589,02
    +4,47 (+0,04%)
     
  • Nikkei 225

    27.346,88
    +19,77 (+0,07%)
     
  • EUR/USD

    1,0913
    +0,0047 (+0,44%)
     
  • BTC-EUR

    21.131,31
    -216,24 (-1,01%)
     
  • CMC Crypto 200

    521,87
    +279,19 (+115,05%)
     
  • HANG SENG

    22.072,18
    +229,85 (+1,05%)
     
  • S&P 500

    4.062,68
    -13,92 (-0,34%)
     

Pronta al fallimento un’altra società di criptovalute

Pronta al fallimento un’altra società di criptovalute
Pronta al fallimento un’altra società di criptovalute


Secondo Bloomberg, l'assediato crypto-lender Genesis Global Capital, l'unità di prestito di criptovalute di Digital Currency Group (DCG), potrebbe dichiarare bancarotta già questa settimana.

Cosa è successo

Genesis è precipitata in una crisi di liquidità e ha interrotto i riscatti poco dopo aver rivelato il 10 novembre che aveva 175 milioni di dollari bloccati in un conto di trading di FTX (CRYPTO:FTT).

La società ha quindi avvertito gli investitori che potrebbe dover presentare istanza di fallimento se i suoi sforzi per raccogliere 1 miliardo di dollari di capitale fallissero.

La pressione finanziaria nei confronti di DCG di Barry Silbert ha iniziato a emergere dopo che i fallimenti nel settore ancora poco regolamentato si sono propagati ad altre aziende, in particolare FTX, riferisce Bloomberg. I fallimenti a cascata dimostrano la connessione del settore.

Genesis ha subito forti perdite a causa dei prestiti forniti agli hedge fund crittografici ormai defunti Alameda Research e Three Arrows Capital. Sia Alameda che Three Arrows hanno presentato istanza di fallimento lo scorso anno.

Genesis ha licenziato il 20% della sua forza lavoro nell'agosto 2022, citando le condizioni di mercato, e un ulteriore 30% è stato licenziato all'inizio di questo mese dopo che il CEO Derar Islim ha affermato che la società stava "riducendo i costi e promuovendo l'efficienza" in tutte le sue società.

Foto per gentile concessione di Shutterstock

Continua a leggere su Benzinga Italia