Italia markets close in 3 hours 52 minutes
  • FTSE MIB

    19.071,30
    -214,11 (-1,11%)
     
  • Dow Jones

    28.335,57
    -28,13 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.548,28
    +42,28 (+0,37%)
     
  • Nikkei 225

    23.494,34
    -22,25 (-0,09%)
     
  • Petrolio

    38,89
    -0,96 (-2,41%)
     
  • BTC-EUR

    11.098,38
    +60,92 (+0,55%)
     
  • CMC Crypto 200

    263,00
    +1,54 (+0,59%)
     
  • Oro

    1.906,80
    +1,60 (+0,08%)
     
  • EUR/USD

    1,1819
    -0,0049 (-0,41%)
     
  • S&P 500

    3.465,39
    +11,90 (+0,34%)
     
  • HANG SENG

    24.918,78
    +132,68 (+0,54%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.131,66
    -67,20 (-2,10%)
     
  • EUR/GBP

    0,9064
    -0,0031 (-0,34%)
     
  • EUR/CHF

    1,0715
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • EUR/CAD

    1,5578
    +0,0019 (+0,12%)
     

Provenzano: "Unico posto dove c'è troppo Stato è Confindustria"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"L'unico posto dove c'è troppo Stato è Confindustria, perché senza le aziende pubbliche avrebbe molta meno rappresentanza e sarebbe in difficoltà senza un grande pezzo industriale italiano che è pubblico". Lo ha detto Giuseppe Provenzano, ministro per il Sud e la coesione territoriale, nel corso del dibattito 'La coesione al centro della ripartenza' alla Festa dell'Unità 2020. "Bisogna avere meno ideologia e guardare i fatti", ha aggiunto rispondendo alle critiche degli industriali.

Il ministro ha parlato anche della rete unica che "significa affrontare le nuove diseguaglianze". "Colmare il divario digitale ha a che fare con la competitività di tutto il Paese" e "non solamente del Sud", ha detto Provenzano.

Poi si è rivolto "agli alleati" del Movimento 5 Stelle, ai quali "dico di non abusare della pazienza del Pd. Con le prossime elezioni regionali dire che il voto non avrà conseguenze politiche è una sciocchezza. Se si farà un favore a Salvini si dovranno pagare le conseguenze".