FTSE MIB
21.895,68
-39,66
0,18%
Genera grafico per FTSEMIB.MI
ALL-SHARE
23.333,58
-43,32
0,19%
ITLMS.MI
Ftse 100
6.679,87
-1,89
0,03%
^FTSE
Dax
9.581,13
-18,96
0,20%
^GDAXI
Dow Jones
16.514,37
+65,12
0,40%
^DJI
S&P 500
1.879,55
+7,66
0,41%
^GSPC
Nikkei 225
14.546,27
+157,50
+1,09%
^N225
Euro-Dollaro
1,3841
0,0037
0,27%
Genera grafico per EURUSD=X
Euro-Sterlina
0,8236
0,0031
0,38%
EURGBP=X
Euro-Franc...
1,2204
0,0012
0,10%
EURCHF=X
Dollaro-St...
0,5950
0,0006
0,11%
USDGBP=X
Euro-Yen
141,8580
0,2224
0,16%
EURJPY=X
Euro-Yuan
8,6343
0,0233
0,27%
EURCNY=X
Euro-Rublo
49,4100
0,1349
0,27%
EURRUB=X
Petrolio gr.
101,24
0,51
0,50%
Genera grafico per CLM14.NYM
Gas naturale
4,75
0,01
0,17%
NGM14.NYM
Oro
1.284,10
+3,00
0,23%
GCM14.CMX
Argento
19,45
0,09
0,46%
SIK14.CMX
Rame
3,04
0,01
0,33%
HGK14.CMX
Grano
679,75
0,25
0,04%
WN14.CBT
Mais
502,50
0,50
0,10%
CN14.CBT
 

Province, Milano torna a essere la più ricca

Con la riforma delle Province cambia anche la capitale della ricchezza. La “Grande Milano” riapre le porte agli 850mila brianzoli che erano migrati nella provincia di Monza e Brianza e torna ad essere la provincia più ricca d’Italia. Il reddito pro capite milanese è sempre stato più alto di quello romano (36mila e 400 euro, contro i 32mila e 689 capitolini), ma con la riforma varata dal governo, il capoluogo lombardo, con Monza e Brianza, arriva a toccare i 4milioni di abitanti, Roma rimane di poco avanti con 200mila abitanti in più.

La questione, come sempre, è di numeri. La nuova geografia politica del nostro Paese ridisegna non solo i confini dei vari enti locali – le Province da 86 diventano 51 – ma cambia anche gli indicatori delle nuove realtà territoriali quali la densità, la ricchezza, i risparmi, il lavoro, i reati, il verde e il tempo libero. Insomma, una piccola rivoluzione in programma sin dal 1990, ma realizzata solo ora nell’ambito della spending review, e che entrerà in vigore da gennaio del 2014. L’Italia a statuto ordinario cambia volto e si fanno largo le curiosità statistiche. C’è, intanto, chi non l’ha affatto presa bene e nei prossimi giorni arriverà sul tavolo dei giudici costituzionali il primo dei ricorsi presentato da 8 Regioni (Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Campania, Molise e Sardegna) contro l’articolo 23 del decreto “Salva Italia” che a dicembre scorso ha cambiato i confini amministrativi italiani. La Corte potrebbe creare non pochi problemi alla buona riuscita della riforma se dovesse stabile l’illegittimità del sistema elettorale in base al quale le nuove province saranno enti di “secondo livello” con consigli popolati dai sindaci del territorio.

Da Nord a Sud i comuni di confine che non hanno accettato di buon grado i cambiamenti minacciano di cambiare regione. Dieci comuni mantovani vorrebbero passare a Brescia piuttosto che unirsi a Lodi, mentre in Puglia 8 municipi preferirebbero trasferirsi da Brindisi a Lecce, per evitare l’unione con Taranto. Stesse polemiche anche dalle parti di Novara e Piacenza che se potessero, diventerebbero lombarde. Meglio finire dove conviene di più, la storia è sempre la stessa. E se nel meridione il reddito pro capite cala drasticamente (solo 19mila e 100 euro a Catanzaro e 14mila e 100, il più basso, a Crotone), al Nord si lotta per non perdere posizioni. Parma, per esempio, vantava il tasso di disoccupazione più basso (3,7%) che adesso gli ha soffiato Cuneo (con il 3,8%), perché dopo l’accorpamento con Piacenza è salito al 4,2%.

Come dire, al rating ci si guarda sempre. E la nuova mappa delle province nostrane ha lo scopo, nel tempo, di migliorarlo. Lo scorso inverno ha iniziato Fitch a declassare gli enti locali italiani, facendo seguito al taglio del rating sovrano. Tra le regioni declassate figuravano il Friuli Venezia-Giulia, il Veneto, il Piemonte, la Lombardia, la Calabria, Sicilia e Sardegna. Ma la scure si non aveva risparmiato neanche comuni, tra gli altri, come Milano, Torino, Trieste, Roma, Napoli, Cagliari. Lo scorso luglio, a ruota, ecco la bocciatura anche di Moody’s che ha tagliato la bellezza di 23 enti locali italiani, fra i quali le Province autonome di Trento e Bolzano, la Lombardia, il Lazio e le città di Milano e Napoli, oltre a 10 banche. Il rating della Provincia di Bolzano è stato tagliato ad A3, da A1, così come quello di Trento. Milano è stata declassata a Baa2 da A3, Napoli è stata abbassata a spazzatura, a Ba1. “Le prospettive per gli enti locali restano negative in linea con quelle dell’Italia”, si giustificava in una nota l’agenzia internazionale.

Il rating, come quello espresso sul debito sovrano, è importante per avere credibilità sui mercati mondiali. Quello degli enti locali, inevitabilmente, risente del giudizio del Paese. Tralasciando i criteri con cui le tre sorelle, Moody’s, Standard & Poor’s e Fitch, assegnano i voti alle economie europee, rimane il fatto che un downgrade può avere effetti nefasti. E il riordino delle province, con conseguente sforbiciata e introduzione delle Città metropolitane, non potrà che giovare al nostro rating depresso.


Discesa da 3 a 5 barre
Qui di seguito tratteremo un pattern elaborato da Oliver Velez e Frank Capra, autori di Master Trader, che reputo uno tra i migliori libri tradotti in italiano sulle tecniche di trading...
Come usare la
Andrews' Pitchfork

La Andrews’ Pitchfork prende
il nome dal suo ideatore, Alan Andrews che ha messo a punto questo strumento per identificare
gli obiettivi di prezzo e calcolare
la velocità con la quale tali obiettivi possono essere raggiunti...
Un setup completo di ingresso con la Barra di Esaurimento
Uno dei miei pattern preferiti
di inversione è senz’altro quella
che definisco come “Barra di Esaurimento” che per brevità
d’ora innanzi indicheremo con
la sigla “BE”...


UNA PAROLA AL GIORNO


Rialzista
Sai che cosa si indica con questo termine nel linguaggio finanziario e borsistico? Scoprilo subito!


Le ultime notizie

  • Il fiscal cliff frena le Borse. Titoli da preferire e da evitare
    Fiscal Cliff, corsa contro il tempo Yahoo! Finanza - ven 28 dic 2012 18:35 CET

    Una corsa contro il tempo. Questione di giorni. Anzi, di ore. L’America ha tempo fino al 31 dicembre per evitare il baratro fiscale. Lo spettro del “fiscal cliff” diventa … Continua »Fiscal Cliff, corsa contro il tempo

    Il fiscal cliff frena le Borse. Titoli da preferire e da evitare

    Una corsa contro il tempo. Questione di giorni. Anzi, di ore. L’America ha tempo fino al 31 dicembre per evitare il baratro fiscale. Lo spettro del “fiscal cliff” diventa sempre più minaccioso anche perché, ad oggi, il presidente Barack Obama e il Congresso (a maggioranza repubblicana) non hanno trovato nessun accordo.

  • Barack Obama torna alla Casa Bianca
    Stati Uniti, minaccia fiscal cliff Yahoo! Finanza - ven 21 dic 2012 14:42 CET

    Nessun accordo sul fiscal cliff. Non c’è stato alcun voto per il “piano B” dello speaker della Camera repubblicana, John Boehner. Tutto saltato perché mancavano i voti … Continua »Stati Uniti, minaccia fiscal cliff

    Barack Obama torna alla Casa Bianca

    Nessun accordo sul fiscal cliff. Non c’è stato alcun voto per il “piano B” dello speaker della Camera repubblicana, John Boehner. Tutto saltato perché mancavano i voti necessari. Il “piano B” di Boehner prevedeva un aumento delle tasse solo per chi guadagna oltre un milione di dollari.

  • Europa, ora il debito tedesco fa paura Yahoo! Finanza - mer 19 dic 2012 16:26 CET

    Anche la Germania deve fare i conti con il suo debito pubblico. Secondo Bruxelles non ci sono rischi nel breve termine, ma bisogna ridurre il debito. Tutta colpa della … Continua »Europa, ora il debito tedesco fa paura

    Anche la Germania deve fare i conti con il suo debito pubblico. Secondo Bruxelles non ci sono rischi nel breve termine, ma bisogna ridurre il debito. Tutta colpa della spesa previdenziale e sanitaria di uno Stato sempre più vecchio. Il Rischio è che il debito non scenderà sotto il 60% del Pil prima del 2030. Uno smacco …

  • La mossa di Mario Draghi
    Mario Draghi, uomo dell'anno per il FT Yahoo! Finanza - ven 14 dic 2012 14:52 CET

    “L’italiano determinato a salvare l’euro”. Il Financial Times ha incoronato Mario Draghi l’uomo dell’anno 2012. Ecco cosa ha fatto negli ultimi 12 mesi il governatore … Continua »Mario Draghi, uomo dell'anno per il FT

    La mossa di Mario Draghi

    “L’italiano determinato a salvare l’euro”. Il Financial Times ha incoronato Mario Draghi l’uomo dell’anno 2012. Ecco cosa ha fatto negli ultimi 12 mesi il governatore della Banca Centrale Europea.

  • Che Mario Monti non sia Lohengrin?
    Crisi di governo: ecco cosa Monti non riuscirà a fare … Yahoo! Finanza - mer 12 dic 2012 17:04 CET

    Non c’è tempo per portare a termine tutto quello che era già stato cominciato. Il governo Monti, arrivato al capo linea, non riuscirà a completare alcune riforme che … Continua »Crisi di governo: ecco cosa Monti non riuscirà a fare …

    Che Mario Monti non sia Lohengrin?

    Non c’è tempo per portare a termine tutto quello che era già stato cominciato. Il governo Monti, arrivato al capo linea, non riuscirà a completare alcune riforme che aveva già avviato, come quella del riordino delle Provincie o la delega fiscale.