Italia markets closed
  • Dow Jones

    28.462,13
    +266,71 (+0,95%)
     
  • Nasdaq

    11.578,27
    +99,38 (+0,87%)
     
  • Nikkei 225

    23.567,04
    -104,09 (-0,44%)
     
  • EUR/USD

    1,1834
    +0,0061 (+0,52%)
     
  • BTC-EUR

    10.092,66
    +697,19 (+7,42%)
     
  • CMC Crypto 200

    240,29
    +1,37 (+0,57%)
     
  • HANG SENG

    24.569,54
    +27,28 (+0,11%)
     
  • S&P 500

    3.461,45
    +34,53 (+1,01%)
     

Puglia, Sisto (Fi): da Emiliano abuso risorse pubbliche

Pol/Bac
·1 minuto per la lettura

Roma, 18 set. (askanews) - "Con la stabilizzazione 'in zona Cesarini' di 26 dipendenti precari del Policlinico di Bari la misura è colma: l'uso e l'abuso di risorse regionali da parte di Michele Emiliano per racimolare qualche voto in più ha superato i livelli di guardia. Questo malcostume 'a mezzo stampa' non riguarda solo la competenza della Corte dei Conti e della Procura, ma anche e soprattutto le tante persone, a cominciare dai giovani, che sono fuori dalla rete di Emiliano ma non per questo hanno minore diritto ad un posto di lavoro". Lo afferma in una nota il deputato barese Francesco Paolo Sisto, responsabile Giustizia e Affari costituzionali di Forza Italia. "Gli ultimi colpi di coda di un governatore uscente senza scrupoli e senza alternative all'opacità - prosegue - stanno costando cari ai contribuenti. Si va dal concorso Arpal per comunicatori, contestato dall'Odg della Puglia per la mancata richiesta di competenze giornalistiche, ai 948 posti messi a bando dalla stessa Agenzia regionale; dal 'bonus matrimoni' da 1500 euro per i novelli sposi al concorsone per 566 infermieri, convocato sotto elezioni e rinviato solo a causa dell'emergenza Covid; dai circa 200 lavoratori del Cup assunti a tempo indeterminato al bando per 65 collaboratori amministrativi presso le Asl pugliesi. Senza dimenticare gli enti utilizzati come poltronifici politici, i 250 mila euro stanziati per le Ecofeste pugliesi, la serie di concorsi indetti dall'ARIF e i 120 mila euro pagati da ADP a Troisi ricerche, ossia la società che ha redatto un sondaggio in cui Emiliano era dato in vantaggio sugli avversari, per una ricognizione quantomeno superflua", conclude.