Annuncio pubblicitario
Italia Markets open in 7 hrs 50 mins
  • Dow Jones

    38.778,10
    +188,94 (+0,49%)
     
  • Nasdaq

    17.857,02
    +168,14 (+0,95%)
     
  • Nikkei 225

    38.102,44
    -712,12 (-1,83%)
     
  • EUR/USD

    1,0739
    +0,0003 (+0,0322%)
     
  • BTC-EUR

    62.070,53
    -63,54 (-0,10%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.389,41
    +1,25 (+0,09%)
     
  • HANG SENG

    17.936,12
    -5,66 (-0,03%)
     
  • S&P 500

    5.473,23
    +41,63 (+0,77%)
     

Putin a Erdogan: Russia pronta a discutere accordo su grano

Silos di grano nel porto di Odessa

MOSCA (Reuters) - Il presidente russo Vladimir Putin ha detto al presidente turco Tayyip Erdogan che Mosca è aperta a discutere l'accordo sul grano del Mar Nero, un'intesa che ha contribuito a portare grano ucraino sul mercato alleviando la crisi alimentare globale.

La Russia ha abbandonato l'accordo a luglio, un anno dopo la sigla del patto mediato da Nazioni Unite e Turchia, lamentando gli ostacoli incontrati dalle proprie esportazioni di cibo e fertilizzanti e la scarsa quantità di grano ucraino che arrivava ai Paesi bisognosi.

Erdogan, che in precedenza ha svolto un ruolo importante nel convincere Putin a mantenere l'accordo, e le Nazioni Unite stanno cercando di convincere il Cremlino a tornare alle trattative.

Parlando all'apertura del loro incontro nella località di Sochi, sul Mar Nero, Putin ha espresso a Erdogan la speranza di concludere i colloqui su un hub per il gas naturale in Turchia e ha aggiunto che avrebbero discusso anche dell'accordo sul grano.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

"So che intendete sollevare la questione dell'accordo sul grano", ha detto Putin a Erdogan. "Siamo aperti ai negoziati sulla questione".

Erdogan ha detto che il mondo sta aspettando notizie sul tema del corridoio del grano.

"Tutti aspettano di sapere cosa verrà fuori dal nostro incontro di oggi", ha commentato. "Credo che il messaggio della conferenza stampa dopo l'incontro sarà un passo importante per il mondo intero, soprattutto per i Paesi africani".

L'accordo è stato pensato per portare il grano dall'Ucraina ai mercati mondiali attraverso il Mar Nero e ad alleviare una crisi alimentare globale che, secondo le Nazioni Unite, è stata aggravata dall'invasione su larga scala dell'Ucraina da parte della Russia nel febbraio dello scorso anno.

La Russia e l'Ucraina sono due dei principali produttori agricoli del mondo e attori di primo piano nei mercati di grano, orzo, mais, colza, olio di colza, semi di girasole e olio di girasole.

(Tradotto da Camilla Borri, editing Sabina Suzzi)