Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.096,69
    -146,19 (-0,90%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.811,40
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8576
    -0,0009 (-0,10%)
     
  • EUR/CHF

    0,9871
    +0,0010 (+0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,4193
    +0,0068 (+0,48%)
     

Putin pronto a proclamare annessione regioni ucraine nei prossimi giorni

Il presidente russo Vladimir Putin durante un discorso a Mosca

ZAPORIZHZHIA, UCRAINA (Reuters) - Mosca si avvicina all'annessione di alcune zone dell'Ucraina, pubblicando i risultati dei contestati referendum, che indicano la volontà di quattro regioni occupate di unirsi alla Federazione russa.

Kiev e gli Stati occidentali non hanno riconosciuto le consultazioni, che considerano illegali, definendole come una farsa portata avanti solo grazie alla minaccia delle armi.

Le amministrazioni filorusse delle regioni di Lugansk e Kherson hanno già formalmente chiesto al presidente Vladimir Putin di essere accettate all'interno della Federazione russa.

Ci si attende che Putin proclami l'annessione delle regioni in un discorso venerdì, a poco più di una settimana dai referendum, dalla mobilitazione militare parziale in patria e dalla minaccia di difendere il territorio russo con armi nucleari.

"I risultati sono chiari. Benvenuti a casa, in Russia!", ha scritto su Telegram Dmitry Medvedev, ex presidente che ricopre la carica di vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, dopo la pubblicazione dei risultati.

Le autorità sostenute dai russi affermano di aver svolto i referendum in quattro province - Donetsk e Zaporizhzhia, oltre a Kherson e Lugansk - nell'arco di cinque giorni.

I residenti fuggiti in territorio ucraino negli ultimi giorni hanno raccontato di persone costrette a barrare le schede per strada sotto la minaccia delle armi. I filmati mostrano funzionari installati dai russi che portano le urne di casa in casa con uomini armati al seguito.

La Russia sostiene che il voto è stato volontario e che l'affluenza è stata alta.

"Questa farsa nei territori occupati non può nemmeno essere definita un'imitazione di un referendum", ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un discorso video durante la notte.

Mykhailo Podolyak, consigliere di Zelensky, ha detto a Reuters che gli ucraini che hanno contribuito a organizzare i referendum dovranno affrontare accuse di tradimento e almeno cinque anni di carcere. Gli ucraini costretti a votare non saranno puniti.

La presidente del Soviet federale, la camera alta del parlamento russo, ha detto che l'adesione delle regioni potrebbe essere approvata formalmente il 4 ottobre.

L'annessione fa parte di un'enorme strategia di escalation annunciata da Putin la scorsa settimana, insieme al rapido richiamo di centinaia di migliaia di riservisti e alla minaccia di usare armi nucleari, che ha detto essere "non un bluff".

Le mosse di Putin hanno fatto seguito a una sorprendente battuta d'arresto al fronte, quando le forze russe hanno abbandonato frettolosamente un territorio grande quanto Cipro nel giro di pochi giorni.

I funzionari russi hanno detto che qualsiasi attacco al territorio annesso sarebbe un attacco alla Russia stessa.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Francesca Piscioneri)