Italia markets closed
  • Dow Jones

    28.308,79
    +113,37 (+0,40%)
     
  • Nasdaq

    11.516,49
    +37,61 (+0,33%)
     
  • Nikkei 225

    23.567,04
    -104,09 (-0,44%)
     
  • EUR/USD

    1,1832
    +0,0059 (+0,50%)
     
  • BTC-EUR

    10.072,22
    +676,75 (+7,20%)
     
  • CMC Crypto 200

    239,37
    +0,46 (+0,19%)
     
  • HANG SENG

    24.569,54
    +27,28 (+0,11%)
     
  • S&P 500

    3.443,12
    +16,20 (+0,47%)
     

Quando Pirlo disse: "Morata non è un cuor di leone..."

·1 minuto per la lettura

Dopo Suarez, Giroud e Dzeko,alla fine sembra essere Alvaro Morata il rinforzo della Juventus in attacco. Bianconero per due stagioni dal 2014 al 2016, lo spagnolo è pronto a tornare allo Juventus Stadium alla corte di Pirlo, dopo averlo avuto come compagno in passato.

Morata è reduce da due stagioni all'Atletico Madrid, nelle quali ha avuto modo di sfidare la sua vecchia Juventus. Proprio in occasione dell'andata degli ottavi di Champions League 2018/2019 vinta dai Colchoneros, Pirlo aveva parlato di lui dal salotto di Sky.

Allora Morata riuscì a segnare un goal nella gara d'andata, annullato poi per fallo su Chiellini, partendo dalla panchina. Una scelta iniziale non nella formazione titolare che Pirlo, vecchio compagno dell'attaccante spagnolo, spiegò così:

"Non è un cuor di leone. Per una gara di battaglia, Simeone preferisce i suoi giocatori".

Un anno e mezzo dopo quelle dichiarazioni riguardo Morata, Pirlo cambierà rapporto con l'ex Chelsea, prima da compagni di spogliatoio, ora da tecnico e giocatore alle sue dipendenze. Lasciando da parte le parole su di lui, dimenticate e lasciate da parte.