Italia markets close in 2 hours 18 minutes
  • FTSE MIB

    25.277,46
    +59,30 (+0,24%)
     
  • Dow Jones

    33.290,08
    -533,32 (-1,58%)
     
  • Nasdaq

    14.030,38
    -131,02 (-0,93%)
     
  • Nikkei 225

    28.010,93
    -953,15 (-3,29%)
     
  • Petrolio

    71,28
    -0,36 (-0,50%)
     
  • BTC-EUR

    27.114,54
    -1.818,71 (-6,29%)
     
  • CMC Crypto 200

    783,67
    -156,27 (-16,63%)
     
  • Oro

    1.776,50
    +7,50 (+0,42%)
     
  • EUR/USD

    1,1896
    +0,0031 (+0,26%)
     
  • S&P 500

    4.166,45
    -55,41 (-1,31%)
     
  • HANG SENG

    28.489,00
    -312,27 (-1,08%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.103,28
    +19,91 (+0,49%)
     
  • EUR/GBP

    0,8570
    -0,0020 (-0,24%)
     
  • EUR/CHF

    1,0951
    +0,0016 (+0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,4758
    -0,0028 (-0,19%)
     

Quante persone hanno scaricato l'App Immuni?

·1 minuto per la lettura
app immuni pisano
app immuni pisano

Intervenuta nel corso della trasmissione radiofonica Eta Beta, il ministro per l’Innovazione Paola Pisano ha annunciato che stando ai download aggiornati al 20 giugno gli italiani che hanno scaricato l’App Immuni sono oltre 3,3 milioni. Per la precisione si tratta di 3.352.902 cittadini.

Pisano sull’App Immuni

Ha poi spiegato che l’operatività dell’applicazione è ancora nella fase iniziale dato che sono passati pochi giorni da quanto si è concluso il periodo di sperimentazione. Si deve pertanto ancora entrare nel vivo della campagna di comunicazione e “in questo momento molto sta a ciascuno di noi“. Non ha poi mancato di sottolineare che si tratta di uno strumento fondamentale per limitare la diffusione del coronavirus.

Seppure siano ancora pochi gli utenti che l’hanno installata rispetto a quelli che servirebbero per renderla davvero utile (almeno il 60%), il software ha già inviato segnalazioni a diversi cittadini informandoli di essere stati a contatto con persone positive. Tra questi due persone nelle Marche ma anche alcuni liguri e una donna di Bari la cui esperienza mette però in evidenza alcune criticità.

Positiva a Bari costretta all’isolamento senza tampone

Quest’ultima ha infatti ricevuto comunicazione di essere potenzialmente stata a contatto per più di 15 minuti con un infetto. Così l’Asl territorialmente competente le ha imposto l’isolamento preventivo per due settimane, senza però garantire l’effettuazione del tampone. Così una signora di 63 anni è costretta a rimanere in casa anche se, ricostruendo le sue giornate, ritiene improbabile di aver avuto contatti con persone positive. A questo punto, ha dichiarato sdegnata, andrò a fare il tampone privatamente, visto che il servizio sanitario pubblico me lo nega“.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli