Italia Markets closed

Quanti soldi vorresti per chiudere il profilo Facebook?

(Photo by Drew Angerer/Getty Images)

Una proposta indecente. Anzi, esattamente quella che serve per accettare di chiudere il proprio profilo Facebook. La domanda è: “Quanti soldi vorresti per abbandonare Facebook?”. Una ricerca americana ha provato a stabilire l’offerta da non rifiutare.

Il trattamento dei dati

Il 2018 non è certo stato un anno memorabile per Facebook, considerati gli scandali sul trattamento dei dati e con una gestione poco trasparente delle informazioni che ha spinto molto utenti a considerare seriamente la possibilità di chiudere il proprio account.

L’account

Aprire un profilo Facebook è gratuito. In verità rappresenta un costo e non solo emotivo. Per capire esattamente a quanto ammonta il costo, la Michigan State University e il Kenyon College hanno finanziato una ricerca pubblicata su Plos One.

La domanda

“Quanto vorremmo essere pagati per disattivare il nostro profilo?”. Da questo quesito è partita la ricerca americana. Come esperimento i ricercatori hanno organizzato tre tipologie di asta. In palio c’era un premio in denaro che implicava però la disattivazione dell’account Facebook per un anno. L’utente medio ha richiesto oltre 1.000 dollari per sospendere l’account Facebook solo per un anno.

Il campione

Le cavie sono state in totale 1.324. Il campione era costituito da adulti e il periodo della sospensione dell’account partiva da un minimo di un giorno a un massimo di un anno. Si è seguito il cosiddetto metodo Vickery, quello dell’asta in busta chiusa al secondo prezzo. Il partecipante deve scrivere il proprio prezzo e inserirlo in una busta chiusa. Le offerte non sono note agli altri. La particolarità è che l’offerta più alta vince, ma viene pagato il prezzo della seconda offerta massima, non della prima. Nel caso dell’esperimento di Facebook, i partecipanti hanno dichiarato la cifra minima che erano disposti ad accettare.

Leggi anche:

Le startup italiane che hanno fatto successo nel 2018

Saldi, al via da oggi (ma non ovunque)

La donna che (non) visse 122 anni