Italia markets open in 53 minutes
  • Dow Jones

    34.393,75
    -85,85 (-0,25%)
     
  • Nasdaq

    14.174,14
    +104,72 (+0,74%)
     
  • Nikkei 225

    29.469,30
    +307,50 (+1,05%)
     
  • EUR/USD

    1,2130
    +0,0007 (+0,06%)
     
  • BTC-EUR

    33.313,95
    +519,54 (+1,58%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.014,65
    +45,81 (+4,73%)
     
  • HANG SENG

    28.642,38
    -199,75 (-0,69%)
     
  • S&P 500

    4.255,15
    +7,71 (+0,18%)
     

Quanto tempo deve passare per essere protetti dalla vaccinazione contro il COVID-19?

·1 minuto per la lettura
(Photo by Thomas Lohnes/Getty Images)
(Photo by Thomas Lohnes/Getty Images)

Gli studi clinici hanno dimostrato l'efficacia del 95% di Comirnaty (Pfizer-BioNTech) a distanza di una settimana dalla seconda somministrazione. Allo stesso modo il vaccino della statunitense Moderna ha dimostrato un'efficacia del 94,1% a distanza di due settimane dalla seconda dose.

Il massimo della protezione si raggiunge dunque trascorsi questi periodi, leggermente differenti a seconda del tipo di vaccino.

Sebbene anche dopo la prima dose è verosimile che ci sia una certa protezione dal virus, la seconda dose del vaccino, effettuata a distanza di settimane dalla prima (almeno tre per Comirnaty, quattro per Moderna), ha il compito di rinforzarla e renderla più prolungata.

Per quanto riguarda i vaccini AstraZeneca e Johnson&Johnson la protezione inizia da circa 3 settimane dopo la somministrazione della prima dose di Vaxzevria e persiste fino a 12 settimane. Tuttavia, fino a 15 giorni dopo la somministrazione della seconda dose la protezione potrebbe essere incompleta. Inoltre, come accade con tutti i vaccini, anche la vaccinazione con Vaxzevria potrebbe non proteggere tutti i soggetti vaccinati.

GUARDA ANCHE - Vaccino Astrazeneca, c'è un collegamento con rare trombosi?