Italia Markets open in 2 hrs 57 mins
  • Dow Jones

    29.823,92
    +185,28 (+0,63%)
     
  • Nasdaq

    12.355,11
    +156,37 (+1,28%)
     
  • Nikkei 225

    26.836,29
    +48,75 (+0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,2082
    +0,0003 (+0,0242%)
     
  • BTC-EUR

    15.343,69
    -144,45 (-0,93%)
     
  • CMC Crypto 200

    363,87
    -15,99 (-4,21%)
     
  • HANG SENG

    26.548,78
    -18,90 (-0,07%)
     
  • S&P 500

    3.662,45
    +40,82 (+1,13%)
     

Questi sono i segnali per capire se le vostre unghie hanno bisogno di una pausa dallo smalto

Di Marzia Nicolini
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Jeremy Moeller - Getty Images
Photo credit: Jeremy Moeller - Getty Images

From ELLE

Un bello smalto colorato riesce a sollevare l'umore, dettaglio non da poco considerando le giornate autunnali e uggiose che stiamo vivendo. E anche se qui in redazione siamo tutte promanicure mood boosting, c'è un però che dobbiamo riportarvi: talvolta le unghie hanno bisogno di momenti di pausa dallo smalto (classico e semipermanente). A furia di mantenere sempre le unghie coperte da uno strato di prodotto, infatti, si rischia di soffocare l'unghia. E se vi state domandando quali siano gli esiti di un'overdose di smalto, ecco a voi la risposta: unghie fragili, unghie che si sfaldano, unghie che si spezzano. Ecco come prevenirle.

Come capire se le unghie hanno bisogno di una pausa dallo smalto

Secondo quanto riporta il magazine Allure, il primo elemento da considerare per valutare lo stato di salute delle vostre unghie è il seguente: le estremità delle unghie tendono a ingiallire? Se la risposta è affermativa, archiviate lo smalto nel cassetto per almeno un paio di settimane. Sfatiamo un falso mito: non è vero che le unghie hanno bisogno di respirare. A ben vedere, infatti, "traggono ossigeno e sostanze nutritive dal sangue e non dall'aria, come ricorda Dana Stern, dermatologa americana", specializzata in benessere delle unghie. Ma lo smalto, se applicato senza pause, non fa bene all'unghia. Oltre alle punte tendenti al giallo, fate attenzione a questi segnali: 1. macchie ruvide e bianche sulla superficie dell'unghia; 2 desquamazione, piccole e grandi spaccature; 3. colore opaco; 4. cuticole dure e disidratate.

Photo credit: Jeremy Moeller - Getty Images
Photo credit: Jeremy Moeller - Getty Images

Come curare le unghie stressate

Per consentire alle vostre unghie di recuperare forza e brillantezza, mettete in conto di curare al massimo la beauty routine, con qualche accortezza anche a livello di stile di vita. No all'uso eccessivo di lame e lamette: la loro superficie abrasiva è ovviamente utile per raschiare la superficie di quell'unghia, ma occorre usare questi strumenti con grande delicatezza, perché possono rimuovere gli onicociti superficiali (cellule dell'unghia), con l'esito di unghie che si sfaldano e rompono, perché iper assottigliate. Lasciare le unghie nude è un'altra ottima strategia per fortificarle e farle tornare sane e lucide. Durante questi periodi di detox, coccolate unghie e cuticole con prodotti nutrienti, idratanti e lucidanti su misura: oli, sieri, creme, burri, scegliete la vostra texture preferita e, mattina e sera, massaggiate una noce di prodotto su ogni unghia. Gli ingredienti top per le unghie da memorizzare sono, nell'ordine, olio di mandorle, olio di argan, burro di karité, glicerina. Ah: vietatissimo mordicchiare le unghie o, ancora peggio, strappare le cuticole! In questi casi, infatti, si indebolisce la struttura dell'unghia, ma soprattutto si attira la probabilità di infezioni.

I migliori prodotti per prendersi cura di unghie e cuticole