Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.118,35
    -624,47 (-1,80%)
     
  • Nasdaq

    13.300,97
    -100,89 (-0,75%)
     
  • Nikkei 225

    28.608,59
    -909,71 (-3,08%)
     
  • EUR/USD

    1,2168
    +0,0034 (+0,28%)
     
  • BTC-EUR

    46.066,23
    -1.766,70 (-3,69%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.496,54
    +1.253,86 (+516,67%)
     
  • HANG SENG

    28.013,81
    -581,89 (-2,03%)
     
  • S&P 500

    4.131,11
    -57,32 (-1,37%)
     

Radu Jude: “L’abuso di potere è la vera oscenità, l’importante è avere un pensiero libero”

Giuseppe Fantasia
·Journalist
·2 minuto per la lettura
Il regista Radu Jude (Photo: ©Micro_Film_photo_Silviu_Ghetie)
Il regista Radu Jude (Photo: ©Micro_Film_photo_Silviu_Ghetie)

Si riesce ad avere una definizione accettata banalmente da tutti di cosa sia osceno e, soprattutto, come si fa a definirlo? Ne abbiamo parlato via Zoom con Radu Jude, acclamato regista rumeno e neo vincitore dell’Orso d’Oro alla 71esima Berlinale, da poco conclusasi (sempre online), con il suo nuovo film, “Bad Luck Banging or Loony Porn”, in uscita anche in Italia grazie alla Lucky Red di Andrea Occhipinti. Nel film – che uscirà il 16 aprile prossimo sul canale MioCinema – c’è un’insegnante di nome Emi (Katia Pascariu) che vede la sua carriera e la sua reputazione minacciate dopo che un suo filmato erotico privato viene diffuso su Internet. I genitori e i suoi allievi chiedono le dimissioni, ma lei fa di tutto pur di non cedere alle loro pressioni. “È molto difficile definire cos’è osceno”, ci spiega il regista a cui il Trieste Film Festival dedicherà una retrospettiva. “Con la scena iniziale, quella in cui si vedono scene di sesso molto esplicito tra i due, il mio intento è stato quello di mettere in discussione se quella scena di sesso tra due adulti consenzienti lo sia oppure no. Per me, ovviamente, non lo è. L’oscenità c’è, a mio avviso, quando vedo che chi ha il potere lo usa per abusare di altri esseri umani. Ecco, questa è per me la vera oscenità: l’abuso di potere usato per schiacciare e danneggiare gli altri”. “L’oscenità – continua – è il tema di questo film, ma quello che ho voluto fare è dare allo spettatore la possibilità di confrontare l’oscenità di un video porno amatoriale con quella vera che esiste attorno a noi, quella che troviamo nella storia recente le cui tracce sono ovunque”.

Il suo film dà un’immagine ben precisa della Romania: è prevista un’uscita anche l&igrav...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.