Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.018,41
    +47,94 (+0,14%)
     
  • Nasdaq

    14.765,86
    +51,96 (+0,35%)
     
  • Nikkei 225

    29.839,71
    -660,34 (-2,17%)
     
  • EUR/USD

    1,1725
    -0,0003 (-0,02%)
     
  • BTC-EUR

    35.607,99
    -2.248,55 (-5,94%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.040,13
    -23,71 (-2,23%)
     
  • HANG SENG

    24.221,54
    +122,40 (+0,51%)
     
  • S&P 500

    4.362,94
    +5,21 (+0,12%)
     

Rai, Fuortes: i tagli non hanno minimamente intaccato la qualità

·5 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 4 ago. (askanews) - "I tagli fatti in Rai sono degli efficientamenti e non incidono sulla qualità dei prodotti, non avranno alcun effetto sui palinsesti, però servono a riportare in pareggio i conti".

Lo ha detto il nuovo Ad della Rai, Carlo Fuortes durante la sua relazione davanti alla commissione di Vigilanza Rai, alla Camera dei deputati.

"Le perdite di un'azienda come la Rai - ha spiegato - non vengono ripianate dallo Stato e con circa 300 milioni di euro di perdite, in 3 o 4 anni si portavano i libri in tribunale. In Italia c'è un canone di 90 euro, sapete bene che in Francia il canone è di 135 euro, cioè il 50% in più, in Inghilterra è di 180 euro e in Germania di 240 euro; quindi c'è un problema di risorse, rispetto alle nostre 'sorelle' del servizio pubblico siamo sottofinanziati ma, per esempio, Rai 1 su 124.825.000 euro avuto un taglio di 825.000 euro e adesso sta a 124 milioni. Chi di voi ha mai gestito un budget di questo tipo sa perfettamente che un taglio come questo può essere assolutamente supportato senza minimamente ridurre la qualità".

qualità del prodotto dei tagli delle risorse allora innanzitutto certo non saremo né io né la presidente a non lavorare attentamente sulla qualità del prodotto io sempre te le organizzazioni che ho gestito tutte le istituzioni culturali che ho gestito pensato innanzitutto a quello ovviamente è il valore di un'azienda culturale e qualità del prodotto quindi è veramente pleonastico quasi parlare di questo importante e per 11 e ragionare su come finanziare questo prodotto e con l'unico modo per cui non si può finanziare e con le perdite le perdite in un'azienda culturale con una come la Rai che sostanzialmente un'azienda non profit diventano direttamente abbattimento del patrimonio è indebitamento la Rai in tre anni ha300 maggiorato di circa 300 milioni di euro e 300 milioni di euro un'azienda che non ha utili perché di fatto non può avere Uria. Miral parecchio non so quanto ci vuole a mettere le perdite di un'azienda come la Rai non vengono ripianate nella legge non c'è se qualcuno fa la legge così magari può essere anche una strategia quella di finanziare il prodotto la qualità in perdita ma attualmente le pelli non vengono ripianate dal dallo Stato rimangono tutti in azienda in quattro anni 34 anni se si combina con questa dinamica si portavano i libri tribunale io credo che mio nella presidente del consiglio di amministrazione che all'unanimità ha votato a favore di questi tremendi tagli e poi li vediamo vogliamo portare i libri della Rag furbissimo sul fatto che in tribunale la priorità assoluta in un'azienda culturale e questo è causa per dimostrarlo qui fatti tutte le aziende che ho gestito ma bisogna avere risorse e in quanto risorse bisogna fare un ragionamento se volete fare una dizione sulle risorse di un'azienda come Rai ben venga un'audizione monotematica monotematica su questo sapete bene che Rai è

in Italia c'è un canone che 90 € sapete bene che in Francia il canone 135 € cioè 50% in più sapete bene che in Inghilterra e 180 € e che in Germania è 240 € quindi c'è un problema di risorse assolutamente c'è un problema di risorse rispetto alle nostre sorelle del servizio pubblicoE finanziati siamo sotto finanziati abbiamo una parte che magari altri non hanno di pubblicitario che però non ho detto che tra altro adesso si discute anche addirittura sei ridurlo qui qui non parliamo di valorizzare la Rai qui stiamo parlando appunto di come riuscire a continuare a vivere quindi è estremamente importante la questione della buona gestione di riportare in pareggio perché ripeto in non molti anni se si continua così si portano i libri in tribunale 300 milioni di aggravamento della situazione finanziaria è un costo di veramente molto difficile sopportare quindi parliamo di tagli tagli io non so quanti di voi hanno voi hanno già Rai uno su 124.825.000 € avuto un taglio di 825.000 € cioè adesso sta 124 milioni più qua gestito un budget di questo tipo sa perfettamente che taglio di questo tipo può essere assolutamente supportato senza minimamente ridurre la qualità ne posso leggere altri Rai tre 08155 su 53 milioni RaiPlay Digital radio c'è una disinformazione su giornali su Rai veramente che questo no no non immaginavo e poi parliamo anche della vendita di di Rai due Rai play Digital 100.000 € su 7.800.000 € sono tutti tagli che

sono efficiente mente sulla qualità ovviamente sono stati fatti considerando la possibilità di farli quindi ovviamente non vanno a intaccare nessun impegno dell'azienda nei confronti di terzi questo è fondamentale e quindi non avranno nessun effetto di contenzioso quant'altro però servono a riportare in pareggio i conti e come dicevo ovviamente tengono anche conto del fatto che per fortuna c'è un amento di pubblicità quindi non vanno a coprire l'intera quota di manovra ma questa è una cosa assolutamente importante quindi se vogliamo parlare di risorse ne possiamo parlare e ne dobbiamo parlare anche il futuro della Rai ovviamente dipende anche molto da quello perché è inutile fare confronti tra Rai e Franz diviso uno.Il budget delle nostre sorelle è incredibilmente più elevato e ovvio che possono investire il prodotto e qualità in modo molto maggiore di questo è uno dei problemi è uno dei problemi che ovviamente l'editore Salò detto il parlamento e lo Stato il governo è il nostro socio di riferimento che il ministero ovviamente devi tenere in considerazione detto questo ovviamente come qualsiasi buon padre di famiglia devi cercare di spendere nel modo migliore possibile quattrini e quello che cercheremo di fare con grande attenzione non c'è assolutamente nessun problema sulla qualità Emiliano i palinsesti direttori uguali ho parlato che hanno fatto questi aggiustamenti non hanno modificato il nulla il palinsesto quindi questo credo che sia doveroso

Lo ha detto, davanti alla commissione di Vigilanza Rai, l'ad Carlo Fuortes durante la sua relazione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli