Italia markets close in 2 hours 18 minutes
  • FTSE MIB

    21.602,60
    -384,40 (-1,75%)
     
  • Dow Jones

    30.937,04
    -22,96 (-0,07%)
     
  • Nasdaq

    13.626,06
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.635,21
    +89,03 (+0,31%)
     
  • Petrolio

    52,62
    +0,01 (+0,02%)
     
  • BTC-EUR

    25.046,16
    -1.148,78 (-4,39%)
     
  • CMC Crypto 200

    609,19
    -30,73 (-4,80%)
     
  • Oro

    1.841,90
    -9,00 (-0,49%)
     
  • EUR/USD

    1,2105
    -0,0063 (-0,52%)
     
  • S&P 500

    3.849,62
    -5,74 (-0,15%)
     
  • HANG SENG

    29.297,53
    -93,73 (-0,32%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.525,06
    -67,77 (-1,89%)
     
  • EUR/GBP

    0,8839
    -0,0013 (-0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,0758
    -0,0024 (-0,22%)
     
  • EUR/CAD

    1,5458
    +0,0023 (+0,15%)
     

Rai, Gasparri: Campania conferma situazioni condizionate da politica

Voz
·1 minuto per la lettura

Roma, 14 ago. (askanews) - "Avevo presentato nei giorni scorsi, assieme ad altri parlamentari di Forza Italia, una interrogazione sull'utilizzo da parte di Geo Nocchetti del nome Rai nel suo materiale elettorale per le elezioni regionali campane a sostegno di De Luca. È ridicolo che, nella risposta che mi è pervenuta, Nocchetti si definisca rammaricato per l'utilizzo del nome Rai e inaccettabile che l'azienda si limiti ad un blando richiamo su questo ruolo ambiguo di Nocchetti". Lo dichiara il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri membro della Commissione di Vigilanza Rai. "Una situazione - aggiunge - che dimostra, ancora una volta, come in tante realtà il servizio pubblico sia condizionato da appartenenze politiche che vengono negate ma che poi emergono nei momenti decisivi. Non si tratta, infatti, come avevamo scritto, soltanto di un problema grafico del materiale elettorale, ma di una deontologia professionale che a nostro avviso è stata totalmente violata e che avrebbe meritato da parte dell'azienda un'azione disciplinare ben più incisiva rispetto ad un semplice richiamo che non servirà in questa circostanza e che, siamo certi, non impedirà in futuro altre situazioni di questo tipo alle quali, purtroppo, la Rai ci ha abituato".