Italia markets close in 4 hours 7 minutes

Rai Way: utile netto 2019 cresce del 6,4%, dividendo 0,2329 euro

Glv

Roma, 12 mar. (askanews) - Rai Way chiude il 2019 con un utile netto di 63,4 milioni, in crescita del 6,4% rispetto all'anno prima. Lo comunica la società dopo il consiglio di amministrazione che ha approvato il bilancio annuale e il piano industriale 2020-2023. I ricavi core sono stati pari a 221,4 milioni, in aumento dell'1,7%. Il cda ha deciso quindi di proporre un dividendo di 23,29 centesimi per azione.

"I risultati economici del 2019 - afferma l'amministratore delegato Aldo Mancino - hanno confermato il costante e continuo percorso di crescita della società, superando anche i target di generazione di cassa previsti nel piano industriale 2015-19. L'anno si è chiuso con la firma del contratto con la Rai per il processo di riassetto delle frequenze (refarming), rimuovendo così un elemento di incertezza e ponendo le condizioni per finalizzare il nuovo piano industriale 2020-23".

"In questi anni - sottolinea Mancino - abbiamo posto la società nelle migliori condizioni per affrontare i prossimi e fondamentali step di crescita che emergono chiaramente dalle linee di sviluppo del nuovo piano. Un progetto ambizioso, che rafforza il core business, posizionando Rai Way su nuove piattaforme e servizi, bilanciando la maggiore competitività di alcuni mercati e sfruttando le opportunità della trasformazione digitale, persegue diversificazione e scala dimensionale anche attraverso l'espansione del portafoglio di infrastrutture gestite".

Il nuovo piano industriale prevede su base organica il raggiungimento al 2023 di una generazione di cassa ricorrente pari a 98 milioni, con una crescita di oltre il 25% rispetto al 2019. "Alla luce delle incertezze connesse all'emergenza sanitaria straordinaria attualmente in corso - aggiunge Rai Way - e in particolare alla durata e intensità del fenomeno ed efficacia del relativo contenimento, il piano industriale 2020-23 e l'evoluzione prevedibile della gestione per il 2020 non includono gli eventuali impatti derivanti dalla diffusione del Covid-19".