Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.910,58
    -35,00 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    14.289,82
    +36,55 (+0,26%)
     
  • Nikkei 225

    28.874,89
    -9,24 (-0,03%)
     
  • EUR/USD

    1,1935
    -0,0009 (-0,07%)
     
  • BTC-EUR

    27.911,75
    +107,67 (+0,39%)
     
  • CMC Crypto 200

    797,00
    -13,19 (-1,63%)
     
  • HANG SENG

    28.817,07
    +507,31 (+1,79%)
     
  • S&P 500

    4.248,95
    +2,51 (+0,06%)
     

Rane contro miniere, fiumi contro dighe: la natura vince in tribunale

·Giornalista
·2 minuto per la lettura
Hypsiboas picturatus (Imbabura tree frog) (Photo: Nicolas Reusens via Getty Images)
Hypsiboas picturatus (Imbabura tree frog) (Photo: Nicolas Reusens via Getty Images)

Nel settembre scorso la rana arlecchino dalla narice larga e la rana cohete confusa, entrambe in estinzione ma ancora combattive, hanno sconfitto in un tribunale dell’Ecuador la compagnia mineraria che voleva trasformare le pozze in cui vivono in cave. Il 16 giugno del 2020 la Grande Strada dell’oceano, un’icona del paesaggio australiano che attraversa foreste e parchi, è stata dichiarata per legge “un’entità naturale vivente e integrata”. Dal 2019 a oggi in vari continenti molti fiumi hanno conquistato una personalità giuridica, al pari di una multinazionale.

Il mondo del diritto si sta trasformando sempre più velocemente. Fino a ieri erano i deep ecologists, i teorici dell’ecologia radicale, a contrapporre le ragioni della natura a quelle degli umani, in una logica di contrasto frontale. Oggi la stessa rivendicazione di un diritto degli esseri viventi e dei loro ecosistemi assume un sapore diverso, meno conflittuale e più cooperativo. E la ragione è semplice: si va diffondendo la convinzione che senza la difesa degli equilibri naturali a cui ci siamo adattati sia molto difficile difendere la sopravvivenza dei quasi 8 miliardi di esseri umani che popolano il pianeta.

“L’Ecuador è stato il primo Paese a introdurre, nel 2008, i diritti della natura nella sua Costituzione”, ricorda Francesco Martone, parlamentare verde della prima ora, oggi membro del Tribunale per i diritti della natura a Quito, la capitale dell’Ecuador. “L’anno successivo la Bolivia ha adottato una formula appena più soft. Nella sua Costituzione è stato garantito a ogni cittadino il diritto di proteggere e difendere un ambiente adeguato allo sviluppo degli esseri viventi”.

Da allora è stato un crescendo. Nel 2010 a Cochabamba, in Bolivia, la prima Conferenza mondiale dei cittadini sui cambiamenti climatici e i diritti di Madre Terra ha adottato una...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli