Italia markets open in 8 hours 12 minutes
  • Dow Jones

    30.046,24
    +454,97 (+1,54%)
     
  • Nasdaq

    12.036,79
    +156,15 (+1,31%)
     
  • Nikkei 225

    26.165,59
    +638,22 (+2,50%)
     
  • EUR/USD

    1,1901
    +0,0055 (+0,46%)
     
  • BTC-EUR

    16.027,73
    +446,60 (+2,87%)
     
  • CMC Crypto 200

    377,31
    +7,56 (+2,04%)
     
  • HANG SENG

    26.588,20
    +102,00 (+0,39%)
     
  • S&P 500

    3.635,41
    +57,82 (+1,62%)
     

Rapporto Eco-Media 2019: 10% news TG italiani parla di ambiente

Red

Roma, 19 dic. (askanews) - Quanto spazio dedicano i principali TG italiani a notizie relative all'ambiente? E con quali connotazioni? A questi due importanti quesiti risponde il Rapporto Eco-Media 2019, promosso da Pentapolis Onlus e presentato oggi a Roma: dai risultati del monitoraggio effettuato tra il 1 gennaio e il 30 settembre 2019 sulle notizie legate all'ambiente proposte all'interno dell'edizione del Prime Time dei telegiornali delle sette reti nazionali (Rai1, Rai2, Rai3, Rete4, Canale5, Italia1, La7) è emerso che lo spazio dedicato all'ambiente è pari al 10% delle notizie, in leggera crescita rispetto al dato registrato nel 2018. Complessivamente sono stati 36.896 i servizi realizzati, di questi 3.773 quelli dedicati all'ambiente. Il grande cambiamento riguarda la composizione interna alle notizie. La definizione "Ambiente in generale" comprende tutte le notizie nel cui racconto l'Ambiente ricopre un ruolo fondamentale. Vengono quindi comprese all'interno di questa definizione quattro categorie: la Cronaca dei Disastri Naturali, ovvero le notizie in cui l'elemento centrale è rappresentato dal racconto degli effetti diretti e indiretti prodotti da eventi catastrofici naturali, come terremoti, eruzioni vulcaniche, tsunami, o da eventi atmosferici particolarmente rilevanti; le Condizioni Metereologiche, ovvero le notizie in cui l'elemento centrale è rappresentato dal racconto dell'evoluzione delle condizioni del tempo atmosferico; i Temi Ambientali, ovvero le notizie in cui l'elemento centrale è rappresentato dal racconto del rapporto attivo dell'uomo sull'ambiente naturale, un rapporto che ovviamente presenta sia elementi positivi che elementi di criticità; Natura&Animali, ovvero le notizie in cui l'elemento centrale è rappresentato dalla presentazione "documentaristica" delle bellezze naturali e del mondo animale e dal racconto del rapporto tra uomo e animali. Il peso maggiore nell'agenda dei Tg Prime Time nel 2019 è rappresentato dalle notizie legate ai Temi Ambientali che con il 42%, ovvero 1.583 notizie, rappresentano la netta maggioranza dell'agenda ambientale. Si tratta di un drastico cambiamento rispetto agli scorsi anni in cui la leadership dell'agenda era sempre dedicata al racconto delle Condizioni Metereologiche o alla Cronaca di Disastri Naturali. La struttura dell'agenda del 2019 sembra quindi mostrare un cambio di prospettiva nel racconto sull'ambiente. La composizione dei Temi Ambientali affrontati vede la preminenza delle notizie legate a iniziative per la Tutela dell'Ambiente (43%). Seguono le notizie legate al tema dei cambiamenti climatici (31%), mentre restano nell'agenda, ma con percentuali inferiori le denunce sui casi di inquinamento (16%) e le notizie sul controverso tema della gestione dei rifiuti (10%). "Il Rapporto Eco-Media - spiega il Presidente di OSA, Osservatorio Sviluppo Sostenibile e Ambiente nei Media, Massimiliano Pontillo - nasce con l'obiettivo di scattare una fotografia di quanto si parla di Ambiente nei principali media italiani e, numeri alla mano, di stimolare la stampa italiana a un diverso approccio nei confronti delle tematiche ambientali con una conseguente e auspicabile maggiore attenzione da parte del decisore pubblico. I dati presentati oggi mostrano un leggero incremento dello spazio dedicato all'ambiente ma cambia la prospettiva: nel 42% delle notizie l'elemento centrale è rappresentato dal rapporto attivo dell'uomo sull'ambiente naturale e non più rappresentato dalle catastrofi naturali o dalle emergenze ambientali. Questo è un segnale che l'attenzione per l'ambiente sta cambiando e ci auguriamo che si continui in questa direzione. Ringrazio, infine, i giornalisti a cui è stato conferito oggi il Premio Pentapolis 'Giornalisti per la Sostenibilità' e a tutti gli altri che si impegnano quotidianamente a dedicare sempre più spazio alle tematiche ambientali e di sviluppo sostenibile, approfondendole senza banalizzarle e relegarle alle contingenze atmosferiche e naturali". Nel corso della presentazione del rapporto sono stati anche consegnati i riconoscimenti del Premio "Giornalisti per la Sostenibilità". Preziose le "firme" che si sono distinte per l'attenta divulgazione green e che, per questo, hanno ricevuto il riconoscimento simbolico 2019: Giuseppe De Bellis, Direttore di Sky TG24 per la televisione; Stefano Pacifici, Direttore Metro per la carta stampata; Luca Aterini, Direttore Greenreport.it per il web; Eduardo Montefusco, Direttore Rds per le radio.