Italia markets close in 3 hours 58 minutes
  • FTSE MIB

    26.086,81
    +233,82 (+0,90%)
     
  • Dow Jones

    34.899,34
    -905,06 (-2,53%)
     
  • Nasdaq

    15.491,66
    -353,54 (-2,23%)
     
  • Nikkei 225

    28.283,92
    -467,70 (-1,63%)
     
  • Petrolio

    71,54
    +3,39 (+4,97%)
     
  • BTC-EUR

    50.494,52
    +1.975,96 (+4,07%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.426,14
    -29,27 (-2,01%)
     
  • Oro

    1.794,00
    +5,90 (+0,33%)
     
  • EUR/USD

    1,1292
    -0,0028 (-0,25%)
     
  • S&P 500

    4.594,62
    -106,84 (-2,27%)
     
  • HANG SENG

    23.852,24
    -228,28 (-0,95%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.123,06
    +33,48 (+0,82%)
     
  • EUR/GBP

    0,8459
    -0,0029 (-0,34%)
     
  • EUR/CHF

    1,0437
    -0,0003 (-0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,4387
    -0,0084 (-0,58%)
     

Rdc, Mastrapasqua: "Inps faccia subito controlli preventivi, basta con le truffe"

·4 minuto per la lettura

''L'Inps faccia subito i controlli a chi percepisce irregolarmente il Reddito di Cittadinanza. Basta con le truffe da miliardi, il Paese non può più sopportarlo''. L'ex presidente dell'Inps, Antonio Mastrapasqua, commenta così all'Adnkronos il nuovo blitz di Guardia di Finanza e Carabinieri contro i 'furbetti' del Rdc. ''Credo che dopo quello che è emerso nella giornata di ieri, non si possa continuare a trattare il Reddito di Cittadinanza come qualcosa che sarà riformato - continua Mastrapasqua -. Presso il ministero del Lavoro è stata istituita una Commissione, presieduta da una autorevole persona. Ricordo la battuta di tanto tempo fa, se non vuoi risolvere un problema o lo vuoi rinviare crea una Commissione. Credo che questo non sia più possibile sul Reddito di Cittadinanza''.

''Qui c'è un problema molto serio - continua Mastrapasqua -. Ieri Guardia di Finanza e Carabinieri hanno detto che il 30% delle persone che noi abbiamo controllato percepiscono il Reddito di Cittadinanza irregolarmente. Su un'erogazione di circa 8-9 miliardi di euro, ci potrebbero essere 2-3 miliardi di percettori irregolari. Questa è una cosa che il Paese non può accettare, ma non può nemmeno aspettare i tempi della politica e dei decisori che dicono di voler risolvere il problema ma sembrano volerlo fare''.

''Apprendo dai giornali e dalle circolari dell'Inps che ben conosco che ancora oggi manca il collegamento con il ministero di Grazia e Giustizia, manca un collegamento stabile con i Comuni, con Aci - spiega l'ex presidente dell'Inps -. Insomma ad oggi l'Inps non è in grado di fare i controlli che la legge prevede. Quindi sta succedendo che l'Inps eroga e si riserva di fare i controlli successivi, mentre Guardia di Finanza e Carabinieri stanno svolgendo una serie di controlli amministrativi, in mancanza dei controlli che avrebbe potuto fare preventivamente l'Inps''.

''Mi preme ricordare che nel 2009 e nel 2010 l'Inps sotto la mia guida sull'invalidità civile fece un controllo straordinario di circa 800mila invalidi, revocandone il 25%, quindi 200mila revoche - spiega Mastrapasqua -. Oggi, invece, le stesse persone non sono messe in grado di fare i controlli. L'Inps può fare i controlli, ma non è stato messo in grado di poterli fare, sulla base di una norma scritta sicuramente male e sulla base di una volontà di erogazione prima dell'accertamento dell'abilità alla percezione del sussidio. Io sono convinto che oggi l'Inps abbia tutte le capacità e la possibilità di erogare solo a seguito dei controlli effettuati".

"Se alcuni controlli non sono possibili, non ritengo che in un Paese civile come l'Italia si debba erogare prima di aver accertato la regolarità del percettore. Non si può demandare controlli a Guardia di Finanza e Carabinieri, rincorrendo le persone in lungo e largo per l'Italia per controllare se hanno una casa. Hanno ben altro da fare'', afferma Mastrapasqua.

''Mi chiedo - dice ancora - come mai la Corte dei Conti su uno spreco di denaro pubblico che sta apparendo di dimensioni incredibili non intervenga". "La prima cosa da fare - sottolinea - è dare un'indicazione all'Inps di erogare solo in presenza della verifica preventiva di tutti i requisiti. Se questa verifica non c'è non si eroghi il Reddito di Cittadinanza. L'Inps inoltre dovrebbe fare una verifica straordinaria degli attuali percettori per verificare se hanno i requisiti e in caso contrario revocarli''.

''Un beneficio come il Reddito di Cittadinanza che è una misura giusta. Ma nel momento in cui si dà a persone senza diritto, credo che la società civile - aggiunge Mastrapasqua - riceva uno sfregio alla reputazione ben più grave di tante altre cose per cui il nostro Paese si indigna. Non c'è cosa più brutta di dare il sussidio a chi non lo merita e sottrae risorse a chi invece lo merita. E' un fatto anche etico-morale e non solo politico- amministrativo''.

''Sono basito che ancora si discuta di questo - conclude Mastrapasqua - l'Inps eroga milioni di prestazioni di ogni genere, dalla cassa integrazione, mobilità, pensioni, pensioni sociali, ed è in grado di fare i controlli. Deve essere messo nelle condizioni di farlo. Il Paese non può più aprire ogni giorno il giornale e vedere che si sprecano centinaia e centinaia di milioni''.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli