Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.949,67
    -108,85 (-0,31%)
     
  • Nasdaq

    14.737,78
    +77,20 (+0,53%)
     
  • Nikkei 225

    27.581,66
    -388,56 (-1,39%)
     
  • EUR/USD

    1,1798
    -0,0028 (-0,24%)
     
  • BTC-EUR

    33.270,14
    +1.063,18 (+3,30%)
     
  • CMC Crypto 200

    921,87
    -8,05 (-0,87%)
     
  • HANG SENG

    25.473,88
    +387,45 (+1,54%)
     
  • S&P 500

    4.398,12
    -3,34 (-0,08%)
     

Realacci: "Bene competenze italiane nella competizione sui trasporti"

·1 minuto per la lettura

"Non posso che essere contento che in America sotto il segno anche di imprese, tecnologie e ingegneri italiani si rafforzi una competizione nel trasporto veloce tra treni ed aerei perché è evidente che il trasporto su treno, sia per l'alimentazione che per l'efficienza, è migliore dal punto di vista anche del contrasto alla crisi climatica". Così Ermete Realacci, presidente di Fondazione Symbola, sulla prima linea ad alta velocità Usa tra Houston e Dallas, affidata al gruppo italiano Webuild che si è aggiudicato la maxi commessa da 16 miliardi di dollari.

"Il fatto che i treni superveloci entrino in concorrenza e la vincano con il trasporto aereo è una cosa assolutamente positiva ed è tanto più positiva perché in questa impresa sono coinvolte in maniera forte imprese e competenze italiane", rimarca.

Più in generale, nel mondo, "il grosso degli spostamenti avviene nel trasporto locale su breve distanza" e il fatto "che questi trasporti si spostino sempre più verso rotaia ed elettrico è un vantaggio da tutti i punti di vista". Quindi, "è un grande segno di modernità anche rendere più confortevoli, efficienti ed estesi i trasporti locali su ferro e per l'Italia il potenziamento dei treni pendolari è un punto chiave dal punto di vista dell'inquinamento e della sostenibilità".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli