Italia markets close in 1 hour 45 minutes
  • FTSE MIB

    23.021,29
    -62,26 (-0,27%)
     
  • Dow Jones

    31.414,57
    +23,05 (+0,07%)
     
  • Nasdaq

    13.257,43
    -101,36 (-0,76%)
     
  • Nikkei 225

    29.559,10
    +150,93 (+0,51%)
     
  • Petrolio

    60,79
    +1,04 (+1,74%)
     
  • BTC-EUR

    42.194,18
    +1.363,07 (+3,34%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.015,71
    +27,62 (+2,80%)
     
  • Oro

    1.711,10
    -22,50 (-1,30%)
     
  • EUR/USD

    1,2058
    -0,0029 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    3.855,74
    -14,55 (-0,38%)
     
  • HANG SENG

    29.880,42
    +784,56 (+2,70%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.706,95
    -0,77 (-0,02%)
     
  • EUR/GBP

    0,8639
    -0,0018 (-0,20%)
     
  • EUR/CHF

    1,1064
    +0,0007 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,5245
    -0,0026 (-0,17%)
     

Realtà virtuale per la salute, visore misura cuore e respiro

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

La realtà virtuale al servizio della salute. Un team di ricercatori del Politecnico di Milano ha dimostrato, per la prima volta, che è possibile usare i sensori - accelerometri e giroscopi - contenuti in un visore di realtà virtuale per poter misurare senza ulteriori periferiche, o wearables, parametri vitali come la frequenza cardiaca e respiratoria. Questo, spiegano i ricercatori del Politecnico di Milano, "grazie alla misurazione dei micromovimenti della testa, generati ad ogni battito cardiaco dalla perfusione cerebrale, non visibili ad occhio nudo ma percepibili dalla strumentazione, e attraverso i movimenti indotti dalla attività respiratoria misurabili anche a livello della testa".

Lo studio, svolto in collaborazione con Softcare Studios - startup innovativa italiana impegnata nello sviluppo di scenari di realtà virtuale per applicazioni medicali - è stato recentemente pubblicato su Sensors, la principale rivista internazionale ad accesso aperto, peer-reviewed, sulla scienza e la tecnologia di sensori e biosensori.

Il protocollo sperimentale prevedeva per ogni soggetto l’acquisizione in diverse posture (seduto, in piedi e sdraiato), a respiro spontaneo o controllato (a diverse frequenze respiratorie note), mentre veniva indossato il visore di realtà virtuale, in cui veniva proiettato uno scenario neutro, e la contemporanea registrazione di un elettrocardiogramma come "gold standard".

"Elaborando questo segnale in modo opportuno, è stato dimostrato come si possano ottenere misure sulla frequenza cardiaca e respiratoria, che in prospettiva futura potrebbero essere usati per ottenere informazioni sullo stato di attivazione del sistema nervoso sulla frequenza cardiaca, legato al livello di stress o di rilassamento indotto durante l’esperienza di realtà virtuale" spiega il Professor Enrico Caiani (Take Care Lab) del Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria del Politecnico di Milano.

Il risultato raggiunto al Politecnico di Milano apre nuove prospettive e possibilità di utilizzo dei visori di realtà virtuale con la possibilità di misurare, senza sensori aggiuntivi, parametri vitali e facilitandone l'impiego fuori da un contesto di laboratorio. Secondo i ricercatori, dal visore si potrà così misurare come il soggetto reagisce agli stimoli indotti, con la possibilità di cambiare in tempo reale l’esperienza virtuale in funzione degli obiettivi da raggiungere.