Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.766,09
    +280,08 (+1,14%)
     
  • Dow Jones

    34.382,13
    +360,68 (+1,06%)
     
  • Nasdaq

    13.429,98
    +304,99 (+2,32%)
     
  • Nikkei 225

    28.084,47
    +636,46 (+2,32%)
     
  • Petrolio

    65,51
    +1,69 (+2,65%)
     
  • BTC-EUR

    40.252,94
    -110,56 (-0,27%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,33
    +39,77 (+2,93%)
     
  • Oro

    1.844,00
    +20,00 (+1,10%)
     
  • EUR/USD

    1,2146
    +0,0062 (+0,51%)
     
  • S&P 500

    4.173,85
    +61,35 (+1,49%)
     
  • HANG SENG

    28.027,57
    +308,90 (+1,11%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.017,44
    +64,99 (+1,64%)
     
  • EUR/GBP

    0,8610
    +0,0014 (+0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0943
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,4697
    +0,0005 (+0,04%)
     

Recovery, Dombrovskis: pronti a usare stop esborsi e Procura Ue

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 29 apr. (askanews) - Controlli rigorosi contro lo spreco dei fondi di Recovery, rapide sospensioni degli esborsi agli Stati se non operano le riforme a cui si sono obbligati o se non usano i suddetti fondi sugli investimenti concordati. E nel peggiore dei casi: denunce alla Procura europea. E' lo scenario delineato dal vice presidente della Commissione europea, Valdis Donbrovskis, secondo quanto riporta il Financial Times per assicurare che i 750 miliardi di Next Generation Eu vengano utilizzati come previsto.

"Abbiamo creato un sistema che garantirà un uso appropriato di questi fondi". Il lettone parla di "criteri piuttosto rigorosi" sugli stop agli esborsi. E poi i meccanismi anti frodi: qui nel mirino sembra esserci soprattutto l'Ungheria e il principio dello Stato di diritto, che ha creato non pochi attriti durante gli accordi su Next Generation Eu.

Ma al di là del caso ungherese, "se le riforme finiscono in stallo, se alcuni progetti di investimento, per qualunque ragione, non vanno avanti - avverte Domrovskis - allora parte dei fondi non arrivano. Gli esborsi sono direttamente collegati ai progressi".

Ora l'Ue è in attesa dei piani nazionali di ripresa e resilienza. "Inizialmente, abbiamo constatato che nelle bozze di molti Paesi non c'era attenzione sufficiente alle raccomandazioni specifiche per Paese", dice ancora il vicepresidente. Dopo la consegna dei piani inizierà l'esame formale della Commissione, che tuttavia è stato preceduto in queste settimane da una intensa attività di dialogo Ue-governi.