Italia markets close in 5 hours 14 minutes
  • FTSE MIB

    21.765,02
    -221,98 (-1,01%)
     
  • Dow Jones

    30.937,04
    -22,96 (-0,07%)
     
  • Nasdaq

    13.626,06
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.635,21
    +89,03 (+0,31%)
     
  • Petrolio

    52,83
    +0,22 (+0,42%)
     
  • BTC-EUR

    26.062,76
    -632,47 (-2,37%)
     
  • CMC Crypto 200

    635,45
    -4,46 (-0,70%)
     
  • Oro

    1.842,00
    -8,90 (-0,48%)
     
  • EUR/USD

    1,2127
    -0,0041 (-0,34%)
     
  • S&P 500

    3.849,62
    -5,74 (-0,15%)
     
  • HANG SENG

    29.297,53
    -93,73 (-0,32%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.559,93
    -32,90 (-0,92%)
     
  • EUR/GBP

    0,8824
    -0,0028 (-0,32%)
     
  • EUR/CHF

    1,0765
    -0,0017 (-0,16%)
     
  • EUR/CAD

    1,5427
    -0,0008 (-0,05%)
     

Recovery Fund, Filiera Italia: bene accordo, ora progetti cantierabili

Red
·1 minuto per la lettura

Roma, 21 lug. (askanews) - "Chiuso il capitolo risorse, ora la vera sfida per il nostro Paese sar quella di presentare entro la scadenza di ottobre progetti cantierabili e concreti per l'ammodernamento delle filiere produttive del nostro paese". Cos Luigi Scordamaglia, consigliere delegato di Filiera Italia commenta l'accordo raggiunto sul Recovery Fund all'alba di oggi. "E proprio su questo campo il settore agroalimentare giocher un ruolo centrale e strategico - proseguono da Filiera Italia - con progetti di ammodernamento di intere filiere produttive basati su innovazione, digitalizzazione e sostenibilit del comparto che coinvolgeranno produzione agricola, trasformazione e distribuzione". E prosegue il consigliere delegato "Abbiamo un'occasione storica per fare delle nostre filiere agroalimentari un prototipo globale di sostenibilit, sicurezza e qualit in sinergia con una strategia futura che consideri la sostenibilit il vero fattore competitivo che crea valore, tanto per le filiere quanto per l'ambiente e per l'occupazione". Ma perch tutto questo possa essere concretamente realizzato, pena la perdita dei fondi comunitari destinati al nostro Paese, bisogner cambiare il contesto normativo e burocratico "Il freno che attualmente limita investimenti e sviluppo" dice ancora Scordamaglia e conclude " questa la vera crescita, il vero salto per il rilancio di un paese che, se non pi zavorrato da lacci e lacciuoli, ha in s tutti gli elementi per risultare vincente e competitivo a livello globale"