Italia markets close in 3 hours 34 minutes
  • FTSE MIB

    21.885,88
    -202,48 (-0,92%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,02 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.822,29
    +190,84 (+0,67%)
     
  • Petrolio

    52,37
    +0,10 (+0,19%)
     
  • BTC-EUR

    28.146,08
    +656,36 (+2,39%)
     
  • CMC Crypto 200

    691,57
    +14,67 (+2,17%)
     
  • Oro

    1.863,30
    +7,10 (+0,38%)
     
  • EUR/USD

    1,2160
    -0,0015 (-0,12%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    30.159,01
    +711,16 (+2,41%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.568,39
    -34,02 (-0,94%)
     
  • EUR/GBP

    0,8883
    -0,0009 (-0,10%)
     
  • EUR/CHF

    1,0772
    +0,0002 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,5469
    -0,0030 (-0,19%)
     

Recovery, Rebecchini: "Non solo dialogo mancano progettazioni e idee"

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

"Non solo manca il dialogo" ma "mancano progettazioni, idee" per rilanciare il Paese. Ad affermarlo, in un'intervista all'Adnkronos, è il presidente di Acer, Nicolò Rebecchini in merito al Recovery plan italiano. "Non si tratta di far partire solo i grandi appalti di cui da tempo si parla e alcuni dei quali sono già in progettazione avanzata di intervenire anche con opere più piccole che permettano di risolvere i problemi legati al dissesto idrogeologico o alle grandi manutenzioni". Manutenzioni, queste, sottolinea il presidente di Ance Roma, "che non possono essere abbandonate alla scarse risorse che gli enti locali stessi hanno o in attesa che lo Stato liberi delle risorse per darle agli enti locali".

Che la cosa migliore sia una task force per gestire il piano di rilancio italiano o il Governo dopo "una condivisione con i copri intermedi non spetta a me dirlo". Invece "servono progettazioni, idee su come intervenire per rilanciare il paese" e questo attualmente manca: "il piano deve essere pensato e previsto indipendentemente dal colore politico. Qui è in gioco il paese, qui è in gioco la tranquillità dei cittadini, dei lavoratori".

Oggi, rileva Rebecchini, "il vero problema e che si ha paura del giorno in cui viene riaperto il cosiddetto blocco dei licenziamenti. Questa macanza di tranquillità è il vero e grave problema per il quale chiediamo con forza una pronta attivazione delle risorse che il governo ha e avrà. Serve che le risorse arrivino velocemente sul territorio". Poi c'è la media e piccola imprenditoria che bisogna tutela: "se la media imprenditoria non è coperta se non gli si dà ossigeno con questi lavori rischia veramente di affogare completamente, di non riuscire a passare una crisi che già durava da tanto tempo. Il covid rischia di mettere una pietra tombale sulla piccola e media imprenditoria".