Italia markets close in 2 hours 40 minutes
  • FTSE MIB

    22.113,14
    +411,35 (+1,90%)
     
  • Dow Jones

    29.591,27
    +327,79 (+1,12%)
     
  • Nasdaq

    11.880,63
    +25,66 (+0,22%)
     
  • Nikkei 225

    26.165,59
    +638,22 (+2,50%)
     
  • Petrolio

    43,70
    +0,64 (+1,49%)
     
  • BTC-EUR

    16.137,82
    +556,68 (+3,57%)
     
  • CMC Crypto 200

    378,34
    +16,91 (+4,68%)
     
  • Oro

    1.806,20
    -31,60 (-1,72%)
     
  • EUR/USD

    1,1871
    +0,0025 (+0,21%)
     
  • S&P 500

    3.577,59
    +20,05 (+0,56%)
     
  • HANG SENG

    26.588,20
    +102,00 (+0,39%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.508,66
    +45,62 (+1,32%)
     
  • EUR/GBP

    0,8904
    +0,0019 (+0,22%)
     
  • EUR/CHF

    1,0825
    +0,0025 (+0,23%)
     
  • EUR/CAD

    1,5519
    +0,0033 (+0,21%)
     

Recovery, Scholz: agire subito, senza aspettare soluzione "ideale"

Loc/Voz
·2 minuto per la lettura

Bruxelles, 4 nov. (askanews) - I negoziati in corso fra il Parlamento europeo e il Consiglio Ue sul piano per la ripresa post pandemica "Next Generation EU" e sul bilancio comunitario pluriennale 2021-2027 devono concludersi con un accordo entro la fine dell'anno, per permettere ai finanziamenti europei di arrivare quanto prima agli Stati membri che ne hanno bisogno; e se anche le modifiche chieste dagli eurodeputati definissero una riposta ideale, questa sarebbe attuata poi fra vari anni, e non subito, come invece è necessario. E', in sostanza, ciò che ha affermato il ministro delle Finanze tedesco Olaf Scholz, presidente di turno del Consiglio Ecofin, rispondendo a una domanda sulle modifiche al Recovery Plan chieste dal Parlamento europeo. I gruppi politici Ppe, S&d (Socialisti), Renew (Liberali) e Verdi si sono accordati, alla fine della settimana scorsa, per spingere verso due modifiche sostanziali del "Next Generation EU": un allentamento delle condizioni previste perché gli Stati membri possano ricevere i finanziamenti del Recovery Fund Rrf in base ai loro piani nazionali di ripresa e resilienza, e un raddoppio, dal 10 al 20 per cento del totale, dei prefinanziamenti previsti nel 2021 per i paesi beneficiari. Durante la videoconferenza stampa al termine dell'Ecofin, gestita da Bruxelles, un giornalista ha chiesto a Scholz che cosa pensasse di queste proposte. "Non voglio compromettere il negoziato - ha replicato Scholz - parlando dei dettagli dei colloqui in corso fra il Parlamento europeo e il Consiglio; ma stiamo aspettando un riscontro dal Parlamento che ci permetta di completare rapidamente l'iter legislativo". "Gli Stati membri - ha ricordato Scholz - hanno davvero bisogno urgentemente di questi fondi. Le misure che abbiamo previsto sono una grande risposta di finanza pubblica alla crisi. Ma tutto - ha osservato - questo potrà funzionare solo se ci sarà una base effettiva", con la legislazione pertinente in vigore "ed è per questo che dobbiamo concludere tutto entro fine anno, perché i fondi possano affluire l'anno prossimo". "Tutto il resto, al confronto - ha sottolineato il presidente di turno dell'Ecofin -, è secondario: io continuo ad auspicare che nessuno ostacoli questo negoziato concentrandosi su una risposta ideale da dare tra vari anni, e non su come dare una risposta ora. Questo è quello che ha proposto il Consiglio e che può facilitarci il compito". "Auspico - ha concluso Scholz - che tutti portino il loro contributo rapidamente" per concludere il negoziato. "Parlare dei dettagli qui non ha senso", ha concluso Scholz.