Italia markets close in 4 hours 51 minutes
  • FTSE MIB

    24.423,27
    -17,61 (-0,07%)
     
  • Dow Jones

    33.849,46
    -497,57 (-1,45%)
     
  • Nasdaq

    11.049,50
    -176,86 (-1,58%)
     
  • Nikkei 225

    28.027,84
    -134,99 (-0,48%)
     
  • Petrolio

    79,40
    +2,16 (+2,80%)
     
  • BTC-EUR

    15.915,47
    +176,59 (+1,12%)
     
  • CMC Crypto 200

    390,35
    +10,06 (+2,65%)
     
  • Oro

    1.768,30
    +13,00 (+0,74%)
     
  • EUR/USD

    1,0380
    +0,0035 (+0,34%)
     
  • S&P 500

    3.963,94
    -62,18 (-1,54%)
     
  • HANG SENG

    18.204,68
    +906,74 (+5,24%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.944,21
    +8,70 (+0,22%)
     
  • EUR/GBP

    0,8634
    -0,0009 (-0,11%)
     
  • EUR/CHF

    0,9850
    +0,0037 (+0,38%)
     
  • EUR/CAD

    1,3949
    +0,0000 (+0,00%)
     

Reddito di cittadinanza, stretta in arrivo: ecco come potrebbe cambiare

Reddito di cittadinanza, stretta in arrivo: ecco come potrebbe cambiare (Foto Claudio Furlan LaPresse)
Reddito di cittadinanza, stretta in arrivo: ecco come potrebbe cambiare (Foto Claudio Furlan LaPresse)

Il Reddito di cittadinanza non sarà a vita ma rinnovabile per periodi sempre più brevi e con un assegno a scalare. Inoltre chi rifiuterà anche una sola offerta di lavoro perderà il sussidio.

LEGGI ANCHE: Reddito di cittadinanza, che fine hanno fatto i navigator

A riportarlo è il Corriere della Sera che riprende le parole del sottosegretario al Lavoro, il leghista Claudio Durigon. Spiega quest'ultimo: "La proposta della Lega è più morbida di altre che circolano nella coalizione, ma si muove nello stesso solco" e il punto di partenza è che "il sussidio non può essere a vita. Va fissato un termine oltre il quale non si può andare, un po' come con la Naspi", l'indennità di disoccupazione.

LEGGI ANCHE: Governo Meloni, tutte le news in tempo reale

VIDEO - Reddito cittadinanza, a Napoli nelle tasche sbagliate quasi 15 milioni

Un percorso "ragionevole", secondo Durigon, "prevede, dopo i primi 18 mesi di Reddito, che si possa andare avanti al massimo per altri due anni e mezzo, ma con un "decalage". A conti fatti, se dopo i primi 18 mesi di percepimento del reddito di cittadinanza il soggetto non ha trovato un lavoro, viene sospeso dal sussidio e inserito per sei mesi in un percorso di politiche attive del lavoro. Se dopo altri 6 mesi la persona è ancora senza lavoro, potrebbe ottenere di nuovo il Rdc, "ma con un importo tagliato del 25% e una durata ridotta a 12 mesi", durante i quali continuerebbe a fare formazione. Se anche dopo questo periodo il beneficiario non è entrato nel mercato del lavoro, verrà sospeso per altri sei mesi, passati i quali potrà chiedere per l'ultima volta il Rdc, questa volta "solo per sei mesi e per un importo decurtato di un altro 25%. Prenderà cioè la metà di quanto prendeva all'inizio".

LEGGI ANCHE: Reddito di cittadinanza, Tridico (Inps): "Ha aiutato migliaia di famiglie ma va potenziato il lavoro"

La riforma prevede inoltre la decadenza dal diritto al reddito di cittadinanza anche rifiutando una sola offerta congrua di lavoro (oggi sono due).

Da questa stretta verrebbe colpito "un percettore su tre del Rdc", dice Durigon. Infine, c'è il versante dei controlli. "Pensiamo - dice il sottosegretario - che il sistema non debba più essere gestito centralmente dall'Inps ma sul territorio dai Comuni, che conoscono meglio le reali situazioni di povertà".

VIDEO - Cagliari, indagati 300 furbetti del reddito di cittadinanza