Italia markets closed
  • FTSE MIB

    19.285,41
    +208,46 (+1,09%)
     
  • Dow Jones

    28.335,57
    -28,09 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.548,28
    +42,28 (+0,37%)
     
  • Nikkei 225

    23.516,59
    +42,32 (+0,18%)
     
  • Petrolio

    39,78
    -0,86 (-2,12%)
     
  • BTC-EUR

    10.927,33
    +55,59 (+0,51%)
     
  • CMC Crypto 200

    260,05
    -1,40 (-0,54%)
     
  • Oro

    1.903,40
    -1,20 (-0,06%)
     
  • EUR/USD

    1,1868
    +0,0042 (+0,36%)
     
  • S&P 500

    3.465,39
    +11,90 (+0,34%)
     
  • HANG SENG

    24.918,78
    +132,65 (+0,54%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.198,86
    +27,45 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,9096
    +0,0063 (+0,69%)
     
  • EUR/CHF

    1,0723
    +0,0000 (+0,00%)
     
  • EUR/CAD

    1,5567
    +0,0044 (+0,28%)
     

Referendum, Mulè (Fi): taglio parlamentaro è sfregio democrazia

Pol/Bac
·1 minuto per la lettura

Roma, 18 set. (askanews) - "La riforma sul taglio dei parlamentari umilia e sfregia la democrazia, altera gli equilibri costituzionali. E' una riforma incompleta che non affronta preventivamente dossier chiave come la legge elettorale e i regolamenti parlamentari, getta negli occhi dei cittadini soltanto sprazzi di demagogia e populismo, ipoteca il futuro. Non si gioca con la Costituzione". Lo ha detto Giorgio Mulè, deputato di Forza Italia e portavoce dei gruppi azzurri di Camera e Senato, intervenendo a 'L'aria che tira' "Il dibattito intorno al referendum - ha aggiunto - è stato ucciso e messo da parte perché ha coinciso con l'assurda decisione di far votare nello stesso giorno per le elezioni amministrative, regionali e addirittura suppletive. Un tema fondamentale per la vita del Paese ridotto a 'varie ed eventuali', in una campagna elettorale falsata nella quale si è distinto il ministro degli Esteri che invece di stare alla Farnesina ad esempio a lavorare sui 18 italiani in ostaggio in Libia è andato in giro occupando anche il servizio pubblico per sostenere le ragioni del Sì. Tipico dei 5stelle: incapacità e demagogia".