Italia markets close in 1 hour 38 minutes
  • FTSE MIB

    24.506,26
    -212,55 (-0,86%)
     
  • Dow Jones

    34.222,54
    -124,49 (-0,36%)
     
  • Nasdaq

    11.197,74
    -28,62 (-0,25%)
     
  • Nikkei 225

    28.162,83
    -120,20 (-0,42%)
     
  • Petrolio

    74,85
    -1,43 (-1,87%)
     
  • BTC-EUR

    15.581,69
    -390,65 (-2,45%)
     
  • CMC Crypto 200

    380,98
    +0,69 (+0,18%)
     
  • Oro

    1.747,10
    -6,90 (-0,39%)
     
  • EUR/USD

    1,0435
    +0,0030 (+0,29%)
     
  • S&P 500

    4.006,19
    -19,93 (-0,50%)
     
  • HANG SENG

    17.297,94
    -275,64 (-1,57%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.940,51
    -21,90 (-0,55%)
     
  • EUR/GBP

    0,8656
    +0,0061 (+0,71%)
     
  • EUR/CHF

    0,9849
    +0,0012 (+0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,4033
    +0,0127 (+0,91%)
     

Registro delle opposizioni, "dopo 3 mesi aumentano telefonate moleste"

(Adnkronos) - "Di male in peggio per chi si è iscritto al nuovo Registro pubblico delle opposizioni sperando di non essere più chiamato". Lo afferma il presidente dell'Unione nazionale consumatori, Massimiliano Dona, in una nota. Dopo la social survey condotta a un mese esatto dall’arrivo del nuovo Registro, attivato il 27 luglio, l’Unc ha condotto una nuova indagine dalla quale risulta che le telefonate moleste invece di ridursi rispetto a fine agosto, sono addirittura aumentate.

"Se all’inizio i call center abusivi, esteri o comunque irrispettosi delle leggi, temendo sanzioni, sono stati cauti nel fare chiamate indesiderate, ora, dopo 3 mesi in cui tutti i trasgressori sono rimasti impuniti, hanno deciso di tornare alla carica, infischiandosene di consultare gli elenchi e di chi ha cancellato tutti i precedenti consensi iscrivendosi al nuovo Registro", dichiara Dona.

Se a fine agosto per il 57,5% dei partecipanti alla survey che si erano iscritti al nuovo Rpo le telefonate indesiderate erano diminuite e per il 37,2% addirittura scomparse, una situazione migliorata per il 94,7% degli intervistati, a novembre sono sparite solo per il 10,1%, mentre sono calate per il 56,9% (per il 35,4% sono diminuite solo un po’, per il 21,5% parecchio). Se per il 67% c’è stato comunque un passo avanti rispetto al passato, è decisamente preoccupante che per il 25,3% le telefonate non siano scese e per il 7,6% siano persino aumentate, opzione che non era emersa nell'indagine di agosto.