Regna l'incertezza in Borsa in attesa dell'election day

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
^IXIC4.095,52+9,29

Wall Street contrastata. Il Dow Jones Industrial Average evidenzia un frazionale ribasso dello 0,03%, lo S&P500 dello 0,24% mentre il Nasdaq Composite (Nasdaq: ^IXIC - notizie) mostra una crescita dello 0,27%. Negative le piazze azionarie europee, il FTSE 100 (FTSE Index: EO100.FGI - notizie) di Londra ha perso lo 0,5%, il Dax (Xetra: ^GDAXI - notizie) di Francoforte lo 0,5% e il Cac (Francoforte: 924169 - notizie) di Parigi l’1,1%. Riteniamo che il sentiment negativo delle Borse sia legato in prevalenza all’incertezza degli investitori sulle prossime elezioni presidenziali negli Stati Uniti (domani notte). Nonostante un leggero vantaggio del candidato democratico Obama negli ultimi sondaggi dopo l’efficiente gestione dell’uragano Sandy, Romney rimane ancora molto vicino. In Europa si attende in settimana il voto del Parlamento di Atene sulle nuove misure di austerity (interventi per 13,5 mld di euro) promosse dal Governo di Samaras, necessarie a sbloccare l’ennesima tranche di aiuti internazionali (31,5 mld di euro). Reputiamo che non ci dovrebbero essere sorprese negative per il voto nonostante l’aumento delle tensioni sociali nel paese ellenico. Il 12 novembre nel meeting dell’Eurogruppo dovrebbe arrivare una decisione finale in merito agli aiuti (anche se le ultime indiscrezioni di stampa annunciano già ulteriori ritardi). Non ci aspettiamo, invece, grosse sorprese dai meeting in settimana della BoE e della BCE.

Italia: FTSE Mib (MDD: FTSEMIB.MDD - notizie) in rosso A Piazza Affari il Ftse Mib ha segnato un ribasso dell’1,43% a 15544 punti. Male il comparto bancario (BPER, Intesa Sanpaolo (Dusseldorf: 575913.DU - notizie) e Unicredit (EUREX: C2RI.EX - notizie) ) sulla scia della crescita dello spread btp/bund.

Valute: debole il cambio euro/dollaro Situazione delicata per il cambio tra la moneta unica e il biglietto verde, sceso in avvio di ottava fino a 1,2768. La rottura del supporto a 1,28, minimo del primo ottobre, ha indebolito il quadro grafico di breve periodo creando i presupposti per una ulteriore discesa fino sullo strategico sostegno in area 1,2750 (massimo di metà giugno). L'eventuale violazione al ribasso di tale riferimento, dove transita anche la media mobile a 200 giorni, getterà le basi per una estensione della flessione fino sui target posizionati a 1,2662 e 1,2610, 50% del ritracciamento di Fibonacci del rialzo partito dai bottom di fine luglio. Timidi segnali di ripresa giungeranno, invece, con una perentoria vittoria di 1,2885, preludio a una probabile attacco delle resistenze a 1,2924 e 1,2983.

, Macro: ISM dei servizi a 54,2 punti a ottobre Sul fronte macro, l’Institute for Supply Management ha reso noto che l’indice ISM non manifatturiero si è attestato, nel mese di ottobre, a 54,2 punti, inferiore alle aspettative del consensus (54,5 punti).

Titoli di Stato: in rialzo lo spread btp/bund Sul fronte governativo, in crescita il differenziale di rendimento tra il btp decennale italiano e il bund tedesco a 10 anni, salito a 360 pb dai 350 pb registrati in apertura. Il rendimento del decennale italiano è salito al di sopra del 5%. Ad aumentare le tensioni sul debito italiano sono state le previsioni dell’Istat sul PIL 2013 (-0,5%).

Commodity (Euronext: COMIN.NX - notizie) : oro cerca di mettere a segno un rimbalzo, WTI a 85,25 dollari al barile Tra le commodity, l’oro, dopo aver toccato un nuovo minimo degli ultimi 2 mesi a 1673 dollari l’oncia, è risalito a 1684 dollari l’oncia. Riteniamo che il metallo prezioso potrebbe rimbalzare almeno fino a 1700 dollari l’oncia, fondamentale sarà comunque la tenuta del sostegno a 1673 dollari l’oncia. Per quanto concerne il petrolio, il cfd sul WTI light crude segna un rialzo dello 0,40% a 85,25 dollari al barile.

FILIPPO DIODOVICH Market Strategist Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.613,30 0,37% 17 apr 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.155,81 0,53% 17 apr 17:50 CEST
Ftse 100 6.625,25 0,62% 17 apr 17:35 CEST
Dax 9.409,71 0,99% 17 apr 17:45 CEST
Dow Jones 16.408,54 0,10% 17 apr 22:31 CEST
Nikkei 225 14.516,27 0,68% 08:00 CEST

Ultime notizie dai mercati