Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    14.208,14
    +36,81 (+0,26%)
     
  • CMC Crypto 200

    333,27
    -4,23 (-1,25%)
     
  • Oro

    1.788,10
    -23,10 (-1,28%)
     
  • EUR/USD

    1,1970
    +0,0057 (+0,48%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8985
    +0,0069 (+0,78%)
     
  • EUR/CHF

    1,0810
    +0,0013 (+0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,5539
    +0,0038 (+0,24%)
     

Regno Unito: il governo si assicura 90 milioni di dosi vaccino anti-Covid

Redazione Finanza
·1 minuto per la lettura

Il Regno Unito ha annunciato oggi di essersi garantito l'accesso a 90 milioni di dosi di due possibili vaccini contro il Covid-19, sviluppati dalla partnership tra la tedesca BioNTech e la statunitense Pfizer, nonché dal gruppo francese Valneva. Nel dettaglio, il governo inglese ha firmato un accordo con l'alleanza BioNTech/Pfizer per 30 milioni di dosi. Una prima consegna di 10 milioni di dosi dovrebbe iniziare già entro il quarto trimestre 2020, previo successo clinico e approvazione normativa, con ulteriori 20 milioni di dosi da consegnare nel 2021. Contemporaneamente, il Regno Unito ha stretto un accordo con Valneva per 60 milioni di dosi, con la possibilità di acquisirne altri 40 milioni se il vaccino si dimostrasse "sicuro, efficace e adatto". "Questa nuova partnership con alcune delle principali società farmaceutiche e di vaccini del mondo garantirà al Regno Unito la possibilità di assicurarsi un vaccino che protegga le persone più a rischio", ha dichiarato il segretario commerciale Alok Sharma. Tuttavia, non è ancora certo quale di questi vaccini sperimentali possa funzionare. Il governo britannico aveva precedentemente annunciato un accordo con AstraZeneca affinché producesse 100 milioni di dosi del potenziale vaccino sviluppato in collaborazione con l'Università di Oxford.