Italia markets close in 2 hours 47 minutes
  • FTSE MIB

    21.776,80
    -311,56 (-1,41%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,02 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.822,29
    +190,84 (+0,67%)
     
  • Petrolio

    52,20
    -0,07 (-0,13%)
     
  • BTC-EUR

    28.385,06
    +895,33 (+3,26%)
     
  • CMC Crypto 200

    693,45
    +16,55 (+2,45%)
     
  • Oro

    1.865,40
    +9,20 (+0,50%)
     
  • EUR/USD

    1,2148
    -0,0027 (-0,22%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    30.159,01
    +711,16 (+2,41%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.554,66
    -47,75 (-1,33%)
     
  • EUR/GBP

    0,8880
    -0,0012 (-0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,0777
    +0,0007 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,5454
    -0,0044 (-0,29%)
     

Renault lancia la “Nouvelle vague”: hi-tech, servizi e nuova R5

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 14 gen. (askanews) - Renault lancia la sua "Nouvelle vague" e diventerà sempre più un marchio "sinonimo di tecnologia, servizi ed energia pulita". Il nuovo amministratore delegato Luca de Meo, ex-pupillo di Sergio Marchionne alla Fiat, ha presentato il piano strategico "Renaulution" pensato per "i prossimi cinque anni e non solo". L'ambizione è mantenere "lo status di leader nella transizione energetica, grazie alle soluzioni elettrificate e a idrogeno, offrendo così la gamma di prodotti più 'verde' d'Europa entro il 2025". Una strategia svelata in un evento online insieme al prototipo della nuova Renault 5, una delle macchine simbolo nella storia della casa automobilistica francese.

"Noi di Renault - ha detto de Meo - accogliamo con favore tutte le evoluzioni del settore per creare la nostra 'Nouvelle vague'. Si tratta di far entrare l'industria automotive nell'era della modernità. Diventeremo una marca del settore dell'energia consolidando la nostra posizione di leader dei veicoli elettrici con il progetto Electro Pole e investendo nell'idrogeno, per proporre il mix più verde che ci sia in Europa entro il 2025".

"Diventeremo anche una marca tecnologica - ha spiegato il Ceo - grazie alle attività di innovazione interna e alla 'Software republic', un ecosistema aperto dedicato allo sviluppo di un know-how tutto europeo in settori chiave come quelli dei dati e della cybersecurity. Questo ci darà un vantaggio competitivo come marca di servizi, con servizi connessi high-tech, dentro e fuori dalle auto".

Diventando sempre più intelligenti, i veicoli "aumenteranno il loro valore con il passare del tempo e saranno anche più longevi". Il gruppo "si adopererà per rompere il ciclo del consumismo e generare valore fino al fine vita dei veicoli grazie alla Re-Factory di Flins (Francia). Questo stabilimento rimetterà in funzione oltre 100mila auto usate all'anno e convertirà i veicoli commerciali diesel in veicoli al 100% elettrici o a biogas".

Renault cercherà di "elettrificare e ottimizzare il mix prodotto". Riposizionandosi, il brand "potrà ritrovare un posto di primo piano nel segmento C, consolidando la sua posizione di leader del segmento B. Entro il 2025 saranno lanciati 14 nuovi modelli (di cui sette elettrici e sette nei segmenti C e D). L'obiettivo è fare in modo che questi segmenti superiori possano rappresentare il 45% delle vendite entro il 2025".

"Diamo solide radici - ha aggiunto de Meo - a questa visione della modernità in Francia. Perchè come marchio è nelle nostre radici che risiede la nostra anima ed è da lì che attingiamo la nostra forza. La nuova R5 incarna la 'Nouvelle vague': è strettamente legata alla nostra storia ma simboleggia il futuro, rendendo i veicoli elettrici popolari e accessibili a tutti".