Italia markets close in 4 hours
  • FTSE MIB

    24.343,90
    -459,00 (-1,85%)
     
  • Dow Jones

    34.742,82
    -34,98 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    13.401,86
    -350,34 (-2,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.608,59
    -909,71 (-3,08%)
     
  • Petrolio

    64,39
    -0,53 (-0,82%)
     
  • BTC-EUR

    45.946,62
    -1.769,54 (-3,71%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.496,00
    -65,30 (-4,18%)
     
  • Oro

    1.842,00
    +4,40 (+0,24%)
     
  • EUR/USD

    1,2173
    +0,0038 (+0,32%)
     
  • S&P 500

    4.188,43
    -44,17 (-1,04%)
     
  • HANG SENG

    28.013,81
    -581,89 (-2,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.937,12
    -97,13 (-2,41%)
     
  • EUR/GBP

    0,8601
    +0,0011 (+0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,0974
    +0,0041 (+0,37%)
     
  • EUR/CAD

    1,4725
    +0,0042 (+0,29%)
     

Renault, ricavi trim1 in calo per quinto trimestre consecutivo

·1 minuto per la lettura
Il logo Renault presso una concessionaria del gruppo a Vertou, vicino Nantes in Francia

PARIGI (Reuters) - Il gruppo automobilistico francese Renault ha accusato una contrazione dell'1,1% nei ricavi per i tre mesi fino a marzo, il quinto trimestre consecutivo di vendite in calo a causa del persistente impatto della pandemia di Covid-19.

Sotto la guida del Ceo Luca de Meo, che ha preso le redini del gruppo a luglio, l'azienda punta a produrre meno auto concentrandosi su quelle con margini più alti, una strategia che sta iniziando a dare alcuni frutti.

Renault è stata sostenuta dall'aumento dei prezzi dei veicoli durante il trimestre, per il terzo periodo consecutivo, anche se questo non è bastato a compensare l'impatto del calo delle scorte e di altri fattori negativi, come l'effetto sfavorevoli dei cambi.

Renault - che produce anche i marchi Dacia e Lada, oltre a possedere una divisione finanziaria - ha detto che le vendite complessive sono calate a 10 miliardi di euro, rispetto a un anno fa. Escludendo l'effetto cambi e altri elementi, sarebbero state in rialzo del 4,4%.

Il volume delle vendite di veicoli a marchio Renault è aumentato dell'1,1%, un incremento ben inferiore al balzo del 21,2% mostrato dal rivale tedesco Volkswagen nello stesso periodo.

De Meo sta anche tagliando i costi per cercare di rilanciare il gruppo automobilistico in perdita.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in Redazione a Milano Maria Pia Quaglia)