Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.744,38
    +215,69 (+0,88%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,68 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,58 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,68 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,07
    -0,39 (-0,61%)
     
  • BTC-EUR

    51.228,00
    -883,55 (-1,70%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,97
    +7,26 (+0,52%)
     
  • Oro

    1.777,30
    +10,50 (+0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,1980
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,57 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,99
    +39,56 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8657
    -0,0026 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,1020
    -0,0013 (-0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4982
    -0,0028 (-0,18%)
     

I rendimenti dei Treasury americani mandano in rosso le Borse europee

Antonio Cardarelli
·2 minuto per la lettura
I rendimenti dei Treasury americani mandano in rosso le Borse europee
I rendimenti dei Treasury americani mandano in rosso le Borse europee

Partenza complicata per i listini Ue, appesantiti dalle perdite del Nasdaq (-3%). Male anche le Borse asiatiche, penalizzate dalle difficoltà nel primo vertice Usa-Cina dell’era Biden

Il nuovo via libera al vaccino AstraZeneca non basta per mettere nuova benzina nel motore delle Borse europee. L’andamento negativo di Wall Street, provocato dal rialzo dei rendimenti dei Treasury americani, spinge in negativo i listini europei. Milano è la peggiore insieme a Londra, con perdite di poco inferiori al punto percentuale, mentre Francoforte in avvio è in rosso dello 0,5%. Male anche Madrid e Parigi, che perdono lo 0,7% nei primi scambi.

FATTORE TREASURY

Il movimento al rialzo del rendimento dei Treasury, i titoli di Stato a 10 anni americani, continua a tenere sulle spine le Borse globali. Dopo aver toccato l’1,74%, il rendimento del T-Bond è poi rientrato verso l’1,69%, ma ha comunque portato ribassi sia sul listino americano che su quello asiatico. La seduta di ieri di Wall Street si è chiusa con perdite per tutti e tre gli indici principali. Il Dow Jones ha perso lo 0,46%, l’S&P 500 l’1,48% e il Nasdaq ha corretto di ben 3 punti percentuali. A pesare sull’andamento della Borsa americana è stato anche un dato sulla disoccupazione peggiore delle attese, con 770mila nuove richieste di sussidi contro attese di 700mila.

ASIA IN ROSSO

Nella mattinata europea i futures di Wall Street sono in area positiva, ma l’andamento negativo di ieri ha contagiato anche le Borse asiatiche. L’indice Nikkei di Tokyo ha chiuso a -1,4%, allargando le perdite dopo l’annuncio, da parte della Banca del Giappone, dell’intenzione di apportare una serie di modifiche alla sua politica di riacquisti di asset per avere maggiore flessibilità, tra cui l'acquisto di fondi negoziati in borsa collegati al Topix. In rosso anche Shanghai (-1,69%) e Hong Kong (-1,76% a poco dalla chiusura) anche a causa delle tensioni tra Cina e Usa nel primo meeting di alto livello tra i due Paesi dell’era Biden.

IL NUOVO PIANO DI POSTE

A Piazza Affari, questa mattina, occhi puntati su Poste Italiane che ha presentato il nuovo piano industriale '2024 Sustain & Innovate', che prosegue nel percorso di crescita sostenibile e profittevole. Si prevede un forte impegno nella creazione di valore con un utile netto pari a 1,6 miliardi nel 2024 (+33% rispetto al 2020).

MATERIE PRIME

Per quanto riguarda le materie prime, il petrolio prova a riprendere quota con il Wti a 60,09 dollari al barile (+0,13%) e il Brent a 63,2 dollari al barile (+0,01%). Sale anche l’oro (+0,48%) che raggiunge i 1740 dollari l’oncia.