Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.299,21
    +1,48 (+0,00%)
     
  • Nasdaq

    13.678,19
    +138,90 (+1,03%)
     
  • Nikkei 225

    27.011,33
    -120,01 (-0,44%)
     
  • EUR/USD

    1,1263
    -0,0043 (-0,38%)
     
  • BTC-EUR

    33.516,99
    +242,78 (+0,73%)
     
  • CMC Crypto 200

    869,20
    +13,38 (+1,56%)
     
  • HANG SENG

    24.289,90
    +46,29 (+0,19%)
     
  • S&P 500

    4.378,08
    +21,63 (+0,50%)
     

In ribasso, rapida diffusione Omicron penalizza outlook domanda

·2 minuto per la lettura
Un operaio cammina accanto alle piattaforme di perforazione in un pozzo di petrolio gestito dalla compagnia petrolifera statale venezuelana PDVSA,

LONDRA (Reuters) - I prezzi del greggio perdono oltre il 3% sulla scia del crescente numero di casi della variante Omicron del coronavirus in Europa e negli Usa, che alimenta i timori degli investitori sull'impatto che le nuove restrizioni alla mobilità potrebbero avere sulla domanda di carburante.

Alle 11,15 il Brent perde il 3,29% a 71,12 dollari a barile, mentre i futures sul greggio Usa cedono il 3,94% a 68,07 dollari a barile.

L'Olanda ha introdotto un nuovo lockdown domenica, mentre la prospettiva di nuove restrizioni in vista delle festività natalizie e di capodanno si fa più concreta in molti paesi europei.

Le autorità sanitarie Usa ieri hanno invitato i cittadini statunitensi ad effettuare i richiami vaccinali, indossare le mascherine e fare attenzione se si mettono in viaggio durante le vacanze invernali, vista la diffusione in tutto il mondo della variante Omicron, che è in procinto di diventare dominante negli Stati Uniti.

Nel frattempo negli Usa il conteggio delle piattaforme di estrazione di gas naturale e greggio, un indicatore della produzione futura, è aumentato di tre unità a 579 nella settimana conclusasi il 17 dicembre, ai massimi da aprile 2020, secondo il rapporto pubblicato venerdì da Baker Hughes.

Tuttavia, dalla Russia sono attese minori esportazioni, con le esportazioni e il transito del petrolio dal paese previste a 56,05 milioni di tonnellate nel primo trimestre del 2022 rispetto a 58,3 milioni di tonnellate del quarto trimestre 2021, secondo un calendario delle esportazioni trimestrali visto da Reuters venerdì.

Nel frattempo l'adesione ai tagli alla produzione dei membri dell'Opec+ ha toccato quota 117% a novembre, in crescita di un punto percentuale rispetto al mese precedente, secondo quanto riferito a Reuters da due fonti interne al gruppo, mentre la produzione continua a rimanere indietro rispetto ai target concordati.

(Tradotto da Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Milano Sabina Suzzi, luca.fratangelo@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli