Italia markets open in 7 hours 36 minutes
  • Dow Jones

    28.308,79
    +113,37 (+0,40%)
     
  • Nasdaq

    11.516,49
    +37,61 (+0,33%)
     
  • Nikkei 225

    23.567,04
    -104,09 (-0,44%)
     
  • EUR/USD

    1,1833
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • BTC-EUR

    10.096,22
    +700,75 (+7,46%)
     
  • CMC Crypto 200

    239,54
    +0,62 (+0,26%)
     
  • HANG SENG

    24.569,54
    +27,28 (+0,11%)
     
  • S&P 500

    3.443,12
    +16,20 (+0,47%)
     

Ricerca, Diana Bracco: "Mettere al centro la qualità del capitale umano"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Dobbiamo sottolineare la qualità del capitale umano, tema che va messo al centro dell'attenzione perché legato a quello della ricerca. In Italia abbiamo in percentuale sui cittadini appena il 3,6% dei ricercatori, un numero troppo basso". A scandirlo è stata Diana Bracco, presidente e amministratore delegato del Gruppo Bracco, in un intervento video al webinar "il dottorato industriale: un'opportunità per la ricerca e le imprese" promosso da Cnr e Confindustria nell'ambito della collaborazione tra le due istituzioni, finalizzata a promuovere dottorati di ricerca industriali triennali cofinanziati al 50% da Consiglio Nazionale delle Ricerche e imprese. Diana Bracco, che annovera tra i suoi ruoli quello di presidente della Fondazione Mai di Confindustria e di Vicepresidente per l'Innovazione e lo Sviluppo dell'associazione degli industriali, ha ricordato come anche "il Gruppo Bracco" si sia fatto "già promotore di un dottorato di ricerca" e abbia sempre dato "supporto alla Ricerca e all'Innovazione". "Abbiamo lavorato molto nella Ricerca e Sviluppo per far entrare i giovani" ha detto la presidente Bracco.

"Manca una visione della ricerca che svincoli la carriera degli scienziati da una visione puramente accademica, per questo auspichiamo da sempre un dialogo e una collaborazione più stretta fra i due mondi", dell'industria e dell'Università, ha detto ancora Bracco, ricordando che "anni fa lanciammo anche la proposta di istituire l'anagrafe dei ricercatori con lo scopo di creare un sistema di vasi comunicanti fra le carriere scientifiche nell'accademia e nell'industria".