Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.744,38
    +215,69 (+0,88%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,68 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,58 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,68 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,07
    -0,39 (-0,61%)
     
  • BTC-EUR

    51.072,16
    -1.136,00 (-2,18%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,97
    +7,26 (+0,52%)
     
  • Oro

    1.777,30
    +10,50 (+0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,1980
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,57 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,99
    +39,56 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8657
    -0,0026 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,1020
    -0,0013 (-0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4982
    -0,0028 (-0,18%)
     

Riflettori puntati sulla BCE

Investimenti Bnp Paribas
·2 minuto per la lettura

Sui mercati prevale una situazione di attesa, con il rally degli scorsi giorni che ha iniziato a rifiatare. Gli occhi degli investitori sono puntati sul meeting della BCE di oggi. Nella riunione di marzo le previsioni sono per un atteggiamento attendista da parte dell’Eurotower, che tuttavia potrebbe discutere di un’estensione del PEPP e di un taglio dei tassi. Le attenzioni sono comunque sulle parole del Presidente dell’istituto centrale, Christine Lagarde, da cui ci si attendono dei chiarimenti in merito alle future mosse per contrastare gli aumenti dei rendimenti sui titoli di Stato. Per diversi analisti Lagarde rimarcherà la flessibilità della propria politica monetaria e la necessità dell’allentamento delle condizioni di finanziamento fino a che non si verificheranno sensibili miglioramenti per l’economia. Rimanendo nel Vecchio Continente, è da segnalare come da Johnson & Johnson sia arrivata la smentita della notizia che sosteneva come non fosse assicurata all’Unione Europea la fornitura di 55 milioni di dosi promessa. Secondo un comunicato stampa da parte dell’azienda infatti si legge come a partire dal secondo trimestre 2021 inizieranno le consegne delle 200 milioni di dosi per l’anno, in linea con gli accordi stipulati. Guardando agli USA, è da segnalare come il prossimo fine settimana il Presidente Joe Biden dovrebbe firmare il via libera definitivo al piano di stimoli da 1.900 miliardi di dollari. Intanto i dati sull’inflazione core di febbraio, che tenevano con il fiato sospeso gli investitori, sono saliti dello 0,1% su base mensile e dell’1,3% su base annuale. Questo segnala che le pressioni inflazionistiche sono ancora deboli.

ATTESA PER LE PAROLE DI LAGARDE

Sul fronte della politica monetaria quella di oggi sarà una giornata particolarmente importante. Gli occhi degli investitori saranno puntati prima sulle aste di BTp a 3, 70 e 30 anni in Italia, per poi passare all’importante meeting della Banca Centrale Europea e alla consueta conferenza stampa del Presidente dell’Eurotower Christine Lagarde. Per quanto concerne gli Stati Uniti, saranno resi noti i nuovi lavori JOLTs di gennaio e le richieste di sussidio di disoccupazione dell’ultima settimana. Attenzione anche all’audizione dei Titoli di Stato a 4 e 8 settimane e dei bond governativi a 30 anni. Infine verrà pubblicato il report mensile dell’OPEC.

Autore: Investimenti Bnp Paribas Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online