Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.028,19
    -172,48 (-0,50%)
     
  • Nasdaq

    13.863,27
    -189,08 (-1,35%)
     
  • Nikkei 225

    29.685,37
    +2,00 (+0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,2034
    +0,0053 (+0,45%)
     
  • BTC-EUR

    45.833,89
    -493,22 (-1,06%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.244,26
    -54,70 (-4,21%)
     
  • HANG SENG

    29.106,15
    +136,44 (+0,47%)
     
  • S&P 500

    4.156,41
    -29,06 (-0,69%)
     

Rinnovabili: obiettivo Italia al 55-60% di riduzione emissioni. ERG, Falck, Enel e altri tra i titoli più esposti

Alessandra Caparello
·1 minuto per la lettura

Secondo quanto riportato da Repubblica, il ministro per la transizione energetica Cingolani avrebbe indicato al -55%/-60% al 2030, l’obiettivo Italiano in termini di riduzione delle emissioni Co2 con una quota di fonti rinnovabili sul totale dei consumi elettrici che potrebbe essere fissata al 70% (dal 55% precedente). Secondo Equita Sim, si tratta di una indicazione positiva per il settore rinnovabili, con un target superiore all’obiettivo Europeo di riduzione emissioni fissato al -55% (rispetto al -40% precedente) ed un incremento significativo per la quota di elettricità da rinnovabili. Il ministro avrebbe anche indicato in 80bn ’ammontare delle risorse che saranno destinate a progetti di decarbonizzazione. Come sottolineato più volte, continuano gli esperti della Sim, tuttavia un significativo cambio delle regole sulle procedure autorizzative, sul ruolo delle regioni nella politica energetica e nella definizione dei vincoli ambientali (principalmente paesaggistici). Tra le più esposte al settore, concludono gli esperti, sono ERG, FALCK, ALERION, ENEL,TERNA, ed in misura minore A2A (rinnovabili e reti), IREN, ACEA ed HERA (per gli investimenti in distribuzione elettrica), SNAM (idrogeno).