Italia markets close in 4 hours 34 minutes
  • FTSE MIB

    26.449,63
    +116,64 (+0,44%)
     
  • Dow Jones

    35.457,31
    +198,70 (+0,56%)
     
  • Nasdaq

    15.129,09
    +107,28 (+0,71%)
     
  • Nikkei 225

    29.255,55
    +40,03 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    82,04
    -0,92 (-1,11%)
     
  • BTC-EUR

    54.885,34
    +1.023,82 (+1,90%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,39
    +17,03 (+1,16%)
     
  • Oro

    1.779,40
    +8,90 (+0,50%)
     
  • EUR/USD

    1,1636
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • S&P 500

    4.519,63
    +33,17 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    26.136,02
    +348,81 (+1,35%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.168,67
    +1,84 (+0,04%)
     
  • EUR/GBP

    0,8454
    +0,0022 (+0,26%)
     
  • EUR/CHF

    1,0733
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4365
    -0,0011 (-0,07%)
     

Ripple (XRP): Mani Forti in Accumulazione, Spinte da Parametri Migliori

·3 minuto per la lettura

Per la maggior parte dell’ultimo mese il prezzo del Ripple (XRP) si è mantenuto costantemente sopra alla soglia psicologica di $ 1,00. Poiché ormai le quotazioni dell’altcoin erano riuscite a spingersi anche fino a $ 1,17 dopo guadagni settimanali vicini al 13%, il suo calo odierno del 2,5% (al ​​momento della stesura di questo articolo) potrebbe quasi risultare preoccupante. La traiettoria a lungo termine di XRP, che si trova al sesto posto fra le cryptovalute per capitalizzazione, a onor del vero è sempre apparsa piuttosto lenta. Proprio in questi giorni, però, stanno sorgendo indicazioni di alcuni eventi potenzialmente in grado di incidere positivamente e ad ampio respiro sul prezzo del Ripple.

Eventi positivi in grado di influire sul prezzo

Anche a causa della battaglia in corso contro la SEC da ormai quasi un anno, il prezzo di XRP ha faticato non poco a tenere il passo con i movimenti rialzisti registrati in media tra le altcoin sue concorrenti, tanto che non si parla neppure di possibili avvicinamenti a breve alla zona degli all-time high raggiunti nel gennaio 2018 a $ 3,31. Per XRP la vera domanda è se sia possibile attualmente riportarsi almeno sopra agli $ 1,50. Fortunatamente per i suoi possessori, sul fronte dello scenario tecnico Ripple presenta ancora buone probabilità di raggiungere e potenzialmente anche oltrepassare tale soglia nel corso del quarto trimestre, sorretto dalla recente formazione di un crossover rialzista tra le medie mobili a 20 e 50 giorni. Tale impostazione, chiamata anche “golden cross”, si era verificata l’ultima volta il 10 agosto scorso favorendo una salto delle quotazioni vicino all’80%. Ancora in precedenza, il golden cross prodottosi a febbraio aveva stimolato un aumento di quasi il 200%. Ci sarebbero quindi le condizioni per un nuovo rally, a patto che venga conservata l’attuale disposizione delle medie mobili, con la 20 periodi stabilmente sopra alla 50 periodi.

Un sostegno da ROI e Sharp Ratio

Durante i primi giorni di ottobre, con il mercato delle altcoin sostanzialmente stabile e la maggior parte delle migliori crypto in fase di consolidamento, è senz’altro degno di nota che XRP stia evidenziando ROI più elevati rispetto alle dirette concorrenti Cardano e Solana, in un lasso di tempo più breve. Ricordiamo che il ROI (Return On Investment) è un parametro utilizzato per misurare l’efficienza di un particolare investimento rispetto al costo iniziale, dato dal rapporto fra guadagni/costi in un determinato periodo di tempo. Un altro parametro importante come il rapporto di Sharpe, inoltre, ha tenuto meglio se guardiamo ancora al confronto con Cardano e Solana. Anche il rapporto di Sharpe è un misuratore del rapporto fra rischio e rendimento, ma rivolto non verso un singolo strumento finanziario (come un’azione) quanto piuttosto verso un fondo o un intero portafoglio di prodotti. Mentre Cardano e Solana riportano valori negativi su questo parametro, il rapporto di Sharpe di XRP ha fatto registrare un forte aumento il 7 ottobre scorso.

Le mani forti stanno accumulando

A parte questo, gli indirizzi attivi giornalieri sono in fase di esplosione per il Ripple, in tendenza consolidata rialzista sin da quando avevano toccato il fondo alla fine dello scorso luglio. Va inoltre evidenziato il comportamento delle “balene”, ossia dei grossi possessori di XRP, che molto probabilmente in questa fase stanno accumulando ulteriormente posizioni; la percentuale di offerta totale di stablecoin detenuta dalle balene si trova infatti vicina al suo massimo storico con oltre 5 milioni di dollari di controvalore. Questo accumulo da parte delle mani forti potrà fungere egregiamente da paracadute per il prezzo di XRP in caso di ribassi. Infine, ci si aspetta che la rete nel suo complesso possa crescere ancora visto il recente annuncio di introduzione del protocollo Proof of Payments (xPoP) in un futuro prossimo.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli