Italia markets open in 23 minutes
  • Dow Jones

    29.872,47
    -173,77 (-0,58%)
     
  • Nasdaq

    12.094,40
    +57,62 (+0,48%)
     
  • Nikkei 225

    26.537,31
    +240,45 (+0,91%)
     
  • EUR/USD

    1,1939
    +0,0020 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    14.882,27
    -205,29 (-1,36%)
     
  • CMC Crypto 200

    345,84
    -24,67 (-6,66%)
     
  • HANG SENG

    26.766,41
    +96,66 (+0,36%)
     
  • S&P 500

    3.629,65
    -5,76 (-0,16%)
     

Risk off sui mercati: sulle Borse europee fioccano i rialzi dopo Biden, oggi in uscita il Sentix

Daniela La Cava
·2 minuto per la lettura

Intonazione positiva per le principali Borse europee nella prima seduta della settimana sull'onda della forte chiusura della Borsa di Tokyo che ha raggiunto il livello più alto dal 1991 e in scia positivi movimenti dei future Usa che si concentrano sulla vittoria del democratico Joe Biden, ufficializzata nel fine settimana. Nei primi istanti di contrattazioni fioccano i rialzi, con il Dax di Francoforte che avanza di quasi il 2% mentre il listino francese Cac40 mostra un aumento dell'1,4% e il Ftse 100 di Londra sale dell'1,3% a un passo dal rivedere i 6mila punti. Non si perdono, ovviamente, di vista gli sviluppi della pandemia nel mondo e gli effetti delle misure e restrizioni messe in atto dai governi (soprattutto in Europa) per contenerla. Intanto a livello macro, sotto la lente il dato relativo alla bilancia commerciale cinese, che ha messo in evidenza a ottobre un boom per le esportazioni al livello record in 19 mesi, grazie al continuo recupero dell'economia del paese dalla crisi della pandemia del coronavirus. Intanto stamattina anche per la Germania è uscita la bilancia commerciale che migliora più del previsto a settembre. Nel dettaglio, La bilancia commerciale della Germania è balzata a 20,8 miliardi di euro a settembre, in forte aumento rispetto ai 11,9 miliardi del mese prima (dato rivisto da 12,8 miliardi) e oltre i 16 miliardi stimati dagli analisti. Le esportazioni hanno mostrato una crescita mensile del 2,3%, in rallentamento rispetto al +2,9% della passata lettura (consensus Bloomberg a +2%). Le importazioni sono, invece, calate dello 0,1% dopo il +5,8% di agosto, sotto le aspettative ferme a +1,5 per cento. Per la zona euro si attende l'indice sulla fiducia degli investitori Sentix, atteso in ulteriore peggioramento a novembre a -15 dopo il -8,3 di ottobre.