Italia markets open in 9 hours
  • Dow Jones

    30.273,87
    -42,45 (-0,14%)
     
  • Nasdaq

    11.148,64
    -27,77 (-0,25%)
     
  • Nikkei 225

    27.120,53
    +128,32 (+0,48%)
     
  • EUR/USD

    0,9891
    -0,0095 (-0,95%)
     
  • BTC-EUR

    20.293,13
    -403,87 (-1,95%)
     
  • CMC Crypto 200

    456,09
    -2,31 (-0,50%)
     
  • HANG SENG

    18.087,97
    +1.008,46 (+5,90%)
     
  • S&P 500

    3.783,28
    -7,65 (-0,20%)
     

Risparmi, italiani formiche: mai tanti soldi sul conto corrente

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 14 ago. (askanews) - Mai così tanti soldi sui conti correnti degli italiani. Secondo i dati forniti da Banca d'Italia, il denaro liquido posseduto dai nostri connazionali è di quasi 1400 miliardi di euro. Una corsa al contante immediato che non si è fermata nemmeno con la pandemia e la guerra in Ucraina: "Il problema -spiega Raffaele De Leonardis, family banker di Banca Mediolanum- è che il rischio di erosione di questo importante castelletto è oggi più che reale. I dati ci dicono che, dopo 20 anni, chi aveva cash 1000 euro, sui conti o "sotto il materasso", se ne ritrova poco meno di 590 come equivalente nel potere di acquisto. Una perdita netta causata dall'inflazione che oggi è ripartita in maniera imponente (si parla di un 7% circa): se adesso compro con 1000 euro sei pezzi di un determinato prodotto, fra qualche anno, con la stessa cifra, ne compro solo quattro. Mantenere quei soldi improduttivi è insomma un'occasione persa che, in tempi complessi come questi, non ci si può permettere".