Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,97 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,23 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,39 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,45 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    +0,11 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    48.544,64
    +806,40 (+1,69%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,28 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +16,30 (+0,90%)
     
  • EUR/USD

    1,2167
    +0,0098 (+0,82%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,81 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8695
    +0,0013 (+0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,0948
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4743
    +0,0081 (+0,55%)
     

Ritorno trionfale in Champions per la Lazio, 3-1 al Borussia Dortmund

·2 minuto per la lettura

AGI - La Lazio torna a disputare la fase a gironi di Champions League 13 anni dopo ed è un rientro trionfale. All'Olimpico la squadra di Simone Inzaghi domina per 90' e sconfigge il Borussia Dortmund con un perentorio 3-1. I tedeschi, alla quinta partecipazione consecutiva alla massima competizione continentale, subiscono la velocità e il pressing dei ragazzi di Simone Inzaghi che, privo dell'infortunato Lazzari, si affida ai titolari inamovibili: Correa a sostegno di Immobile in avanti.   

Ed è proprio l'attaccante napoletano il protagonista della serata con una rete e un assist. Una vendetta la sua consumata qualche anno dopo essere stato mandato via dal club tedesco che ha definito il suo acquisto il peggiore della sua storia. I tedeschi come sempre puntano sul tandem Sancho-Haaland, solitamente concentrato di rapidità e potenza ma oggi piuttosto spuntate, malgrado il gol del baby-prodigio Haaland.   

La Lazio in vantaggio dopo 6' con Ciro Immobile: Correa serve Immobile in mezzo all'area e l'attaccante controlla la palla e batte il portiere Hitz con un colpo leggero. Il Borussia reagisce ma è ancora la Lazio ad andare vicina al raddoppio in diverse occasioni. E il 2-0 arriva per i biancocelesti al 23' con un gol di testa sugli sviluppi di calcio d'angolo di Luiz Felipe che stacca bene sul primo palo e batte Hitz. La Uefa assegna il gol (autorete) al portiere che devia con la testa nella propria porta.    

Nella ripresa i tedeschi sono più aggressivi e hanno diverse occasioni. Una prevalenza che si concretizza al 72': errore in disimpegno di Patric e Reyna mette in mezzo per Haaland che scarica un potente destro sotto la traversa. La Lazio non si scompone e segna ancora: al 78' lancio in profondità per Immobile che mette in mezzo per l'accorrente Akpa-Akpro e l'ex giocatore della Salernitana non sbaglia. Per i biancocelesti un ritorno in Champions da sogno.