Italia markets open in 8 hours 26 minutes
  • Dow Jones

    26.519,95
    -943,24 (-3,43%)
     
  • Nasdaq

    11.004,87
    -426,48 (-3,73%)
     
  • Nikkei 225

    23.418,51
    -67,29 (-0,29%)
     
  • EUR/USD

    1,1750
    -0,0040 (-0,34%)
     
  • BTC-EUR

    11.313,87
    +109,51 (+0,98%)
     
  • CMC Crypto 200

    261,22
    -11,47 (-4,20%)
     
  • HANG SENG

    24.708,80
    -78,39 (-0,32%)
     
  • S&P 500

    3.271,03
    -119,65 (-3,53%)
     

Ritrovata salma nel fiume Adda

·1 minuto per la lettura
Rinvenuto cadavere nell'Adda
Rinvenuto cadavere nell'Adda

Rinvenuto cadavere nell’Adda, a circa 500 metri dopo un ponte in località San Pietro, nel territorio comunale di Berbenno, provincia di Sondrio. A fare la terribile scoperta, due pescatori che hanno immediatamente le autorità per la presenza di un corpo galleggiante nel fiume.

Ritrovato cadavere nell’Adda

In loco sono giunti anche i vigili del fuoco del Comando provinciale di Sondrio, nonché le forze dell’ordine, nel tentativo di recuperare il cadavere. Non ci sono ancora conferme ufficiali ma si pensa che possa appartenere ad una ragazzina di 15 anni, scomparsa nel fiume a inizio settembre a Sondrio mentre si trovava al Parco Bartesaghi con la cugina e altri familiari. Da allora, il padre della giovane Hafsa torna ogni giorno sul luogo della scomparsa di sua figlia, in bicicletta, per poi immergersi e cercarla.

Le ricerche del padre di Hafsa

Non si dà pace l’uomo, che era in Marocco quando è avvenuto il tremendo incidente. “Non posso smettere di cercarla. Non voglio rimanere a casa ad aspettarla quando il fiume la restituirà“, aveva dichiarato alla stampa, “Mi avvicino al fiume, a volte ci entro anche, rimanendo vicino alla riva. So nuotare bene e non voglio correre rischi, ma spero di trovare Hafsa, che magari è incagliata da qualche parte”.

A nulla purtroppo sono serviti i suoi tentativi di recupero ma il ritrovamento del cadavere, attualmente senza identità, nel fiume Adda potrebbe portare luce su questo giallo. Non resta che attendere i risultati dell’autopsia, anche se è probabile che l’identificazione sia difficoltosa, visti gli effetti dell’acqua sui corpi senza vita.