Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.218,16
    -495,44 (-1,93%)
     
  • Dow Jones

    33.290,08
    -533,37 (-1,58%)
     
  • Nasdaq

    14.030,38
    -130,97 (-0,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.964,08
    -54,25 (-0,19%)
     
  • Petrolio

    71,50
    +0,46 (+0,65%)
     
  • BTC-EUR

    30.408,63
    -571,05 (-1,84%)
     
  • CMC Crypto 200

    888,52
    -51,42 (-5,47%)
     
  • Oro

    1.763,90
    -10,90 (-0,61%)
     
  • EUR/USD

    1,1865
    -0,0045 (-0,38%)
     
  • S&P 500

    4.166,45
    -55,41 (-1,31%)
     
  • HANG SENG

    28.801,27
    +242,68 (+0,85%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.083,37
    -74,77 (-1,80%)
     
  • EUR/GBP

    0,8590
    +0,0041 (+0,49%)
     
  • EUR/CHF

    1,0935
    +0,0016 (+0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,4786
    +0,0075 (+0,51%)
     

Rivoluzione Cartabia: stop all'Appello per le procure

·Giornalista, Huffpost
·2 minuto per la lettura
Gaetano Pecorella, una toga in aula, la ministra Marta Cartabia (Photo: Ansa)
Gaetano Pecorella, una toga in aula, la ministra Marta Cartabia (Photo: Ansa)

Di nero su bianco ancora non c’è nulla, ma vanno via via delineandosi le idee della commissione di riforma del processo penale voluta dalla ministra Marta Cartabia. Gli emendamenti del governo saranno depositati tra pochi giorni. Lunedì, infatti, la ministra ha incontrato i capigruppo che le hanno consegnato le loro proposte e ha precisato di essere in quella sede “per ascoltare”.

Nell’attesa che ci sia l’ufficialità, vanno però emergendo alcuni di quelli che dovrebbero essere i pilastri della riforma del processo penale. Sui quali - come traspare dalle dichiarazioni dell’ex sottosegretario alla Giustizia Vittorio Ferraresi che ha parlato di “sensibilità molto diversa” tra loro e i tecnici voluti dalla Guardasigilli - il Movimento 5 stelle è pronto a dare battaglia. O, più semplicemente, a fare qualche rimostranza.

Tre, sostanzialmente, gli aspetti più importanti di quanto finora trapelato da via Arenula: l’impossibilità del pubblico ministero di appellare le sentenze di primo grado - che siano di condanna o di assoluzione -, la modifica della prescrizione da attuare seguendo due possibili strade, che comunque andrebbero a superare la legge Bonafede. E, infine, un incentivo al ricorso ai riti alternativi. Che prevede tra l’altro, la sostituzione del carcere con una misura alternativa per chi patteggia pene fino a quattro anni.

Le prime due novità sono quelle che stanno facendo più discutere. Ci sono degli elementi delle novità che sono sovrapponibili a quelle che furono introdotte dalla legge Pecorella. Quella, cioè, entrata in vigore nel 2006, molto criticata perché considerata da alcuni una legge ad personam, volta a favorire quindi l’allora premier Silvio Berlusconi, e falciata due volte dalla scure della corte Costituzionale. Ma ecco che, ora come allora, impedire al pm di proporre appello alle ...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli