Italia Markets closed

Rivoluzione Plastica, sfida per innovazione e sostenibilità

Red

Roma, 12 nov. (askanews) - Si è parlato di plastica, marine-litter, buone pratiche e riciclo chimico a "Rivoluzione plastica", convegno tenutosi presso la Sala della Regina della Camera dei Deputati. Un evento promosso da BASF e Globe Italia - con il patrocinio dell'ISPRA - in occasione della mostra di National Geographic "Planet or Plastic?", ospitata per un mese e fino al 14 novembre a Palazzo Valdina, che ha voluto fare il punto su un tema, come quello della plastica e degli imballaggi, così dibattuto nelle ultime settimane.

Significativi i contributi registrati oggi sulla questione dell'inquinamento plastico, ChemCycling - il progetto di riciclo chimico di BASF, il riciclo di un materiale ancora prezioso nel XXI secolo.

"Al di fuori dell'Europa - così Alessandro Bratti - direttore generale dell'ISPRA introducendo il dibattito con la ricerca sul marine litter condotta dall'Istituto - il consumo di plastica pro capite sta aumentando rapidamente, soprattutto in Asia Le catene del valore della plastica hanno assunto dimensioni intercontinentali, così come lo scambio dei rifiuti di plastica Nell'UE circa la metà dei rifiuti di plastica raccolti è inviata all'estero, dove permangono incertezze circa il loro trattamento. L'ampia distribuzione geografica della specie, la presenza in differenti habitat e la caratteristica di ingerire i rifiuti marini fanno della Caretta caretta un buon bio-indicatore per valutare l'impatto sugli organismi dei rifiuti marini, soprattutto della plastica. Dalle analisi effettuate su 150 esemplari di tartarughe spiaggiate è emerso che il 68 % presentava plastica ingerita. Necessario quindi individuare le misure da intraprendere a diversi livelli (UE, stati membri e autorità regionali, industria) al fine di trasformare le sfide globali nel settore della plastica in opportunità".(Segue)