Italia markets open in 2 hours 57 minutes
  • Dow Jones

    28.210,82
    -97,97 (-0,35%)
     
  • Nasdaq

    11.484,69
    -31,80 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    23.469,61
    -169,85 (-0,72%)
     
  • EUR/USD

    1,1847
    -0,0020 (-0,17%)
     
  • BTC-EUR

    10.750,02
    +1.420,61 (+15,23%)
     
  • CMC Crypto 200

    255,24
    +10,35 (+4,23%)
     
  • HANG SENG

    24.720,37
    -34,05 (-0,14%)
     
  • S&P 500

    3.435,56
    -7,56 (-0,22%)
     

Rogo in un'azienda di rifiuti in Friuli-Venezia Giulia

·2 minuti per la lettura
Incendio ad Aviano, fiamme in ditta per il trattamento dei rifiuti
Incendio ad Aviano, fiamme in ditta per il trattamento dei rifiuti

Paura ad Aviano, nel pordenonese, dove nella tarda serata del 19 settembre un vasto incendio si è sviluppato nei depositi della ditta di trattamento rifiuti Snua S.r.l., tanto da costringere il sindaco della cittadina a consigliere ai suoi concittadini di non uscire di casa e di tenere le finestre chiuse. Attualmente non sono ancora chiare le cause dell’incendio, il quale è per fortuna stato domato dai Vigili del Fuoco giunti immediatamente sul posto, sia italiani che statunitensi provenienti dalla vicina base militare Usa.

Incendio ad Aviano, fumo visibile da Pordenone

Stando a quanto riportato dalle autorità, i primi allarmi in merito all’incendio sono stati lanciati intorno alle ore 20 di sabato, quando un’alta colonna di fumo nero visibile fino a dieci chilometri di distanza si è innalzata dai depositi della ditta sita in via De Zan. Sul posto sono subito intervenuti i Vigili del Fuoco di Pordenone, Maniago, Spilimbergo e San Vito, che hanno provveduto a domare le fiamme grazia anche all’aiuto di due chilolitriche inviate dai pompieri di Treviso e Udine.

Una volta diffusasi la notizia dell’incendio, il primo cittadino di Aviano Ilario De Marco Zompit ha lanciato un comunicato ai propri concittadini, seguito in pochi minuti da analoghi messaggi dei suoi omologhi dei comuni di Roveredo, San Quirino e Porcia: “A seguito dell’incendio consigliamo di rimanere in casa con le finestre chiuse e di non utilizzare gli spazi esterni fino a quando non saremo in possesso di più precise informazioni dagli organi competenti”.

Al momento sono attesi i risultati delle analisi della qualità dell’aria effettuata da Arpa nella mattinata del 20 settembre, come comunicato anche dallo stesso sindaco: “A seguito del grave incendio che ha colpito lo stabilimento Snua ed in attesa di avere l’esito degli verifiche che stanno facendo i vigili del fuoco l’arpa si consiglia di tenere le finestre chiuse evitando di recarsi all’aperto nei pressi dell’impianto”.