Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.066,55
    -732,56 (-3,36%)
     
  • Dow Jones

    29.590,41
    -486,27 (-1,62%)
     
  • Nasdaq

    10.867,93
    -198,88 (-1,80%)
     
  • Nikkei 225

    27.153,83
    -159,30 (-0,58%)
     
  • Petrolio

    79,43
    -4,06 (-4,86%)
     
  • BTC-EUR

    19.715,77
    -8,66 (-0,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    434,61
    -9,92 (-2,23%)
     
  • Oro

    1.651,70
    -29,40 (-1,75%)
     
  • EUR/USD

    0,9693
    -0,0145 (-1,47%)
     
  • S&P 500

    3.693,23
    -64,76 (-1,72%)
     
  • HANG SENG

    17.933,27
    -214,68 (-1,18%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.348,60
    -78,54 (-2,29%)
     
  • EUR/GBP

    0,8927
    +0,0188 (+2,15%)
     
  • EUR/CHF

    0,9509
    -0,0100 (-1,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,3169
    -0,0093 (-0,70%)
     

Roma, una petizione per salvare i pini di via Prenestina

(Adnkronos) - Inserire via Prenestina, a Roma, nell’elenco delle alberature monumentali protette dalla legge 10/2013. E' l'obiettivo della petizione per una "Via Prenestina alberata monumentale" lanciata dai cittadini della zona e indirizzata all'attenzione della Commissione per la Valutazione delle Alberate Monumentali presso la Regione Lazio e dell'assessora comunale Sabrina Alfonsi.

"La via Prenestina rappresenta per le cittadine e i cittadini di Roma est un patrimonio non solo botanico ma anche e soprattutto storico, culturale e identitario - si legge nella petizione - I due filari di pini che incorniciano la tramvia in modo così caratteristico e riconoscibile contano circa 400 pini domestici. Chiediamo che questi due filari vengano ulteriormente protetti e curati con l’inserimento dell’alberatura nell’elenco delle alberature monumentali della Regione Lazio".

"Da aprile 2022 - si ricorda nella petizione - abbiamo assistito all’abbattimento di 40 esemplari di pino lungo i filari della via Prenestina perché negli anni non sono stati curati adeguatamente. Con l’inserimento dell’alberatura tra quelle monumentali l’amministrazione promuoverebbe ulteriori misure di attenzione e tutela che tali alberi meritano. I pini del Circo Massimo sono particolarmente storti ma nessuno si sognerebbe mai di abbatterne un numero elevato. Le nostre periferie meritano la stessa cura, la stessa attenzione e lo stesso rispetto".