Italia markets close in 6 hours 57 minutes
  • FTSE MIB

    23.864,44
    -230,56 (-0,96%)
     
  • Dow Jones

    31.261,90
    +8,80 (+0,03%)
     
  • Nasdaq

    11.354,62
    -33,88 (-0,30%)
     
  • Nikkei 225

    27.001,52
    +262,49 (+0,98%)
     
  • Petrolio

    111,27
    +0,99 (+0,90%)
     
  • BTC-EUR

    28.615,82
    +713,35 (+2,56%)
     
  • CMC Crypto 200

    681,07
    +7,70 (+1,14%)
     
  • Oro

    1.860,60
    +18,50 (+1,00%)
     
  • EUR/USD

    1,0626
    +0,0064 (+0,61%)
     
  • S&P 500

    3.901,36
    +0,57 (+0,01%)
     
  • HANG SENG

    20.470,06
    -247,18 (-1,19%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.673,28
    +16,25 (+0,44%)
     
  • EUR/GBP

    0,8456
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CHF

    1,0316
    +0,0029 (+0,28%)
     
  • EUR/CAD

    1,3595
    +0,0038 (+0,28%)
     

Rosneft non riesce a vendere petrolio dopo aver chiesto pagamento in rubli - trader

·1 minuto per la lettura
Logo di Rosneft presso gli uffici dell'azienda a Mosca

(Reuters) - La compagnia petrolifera Rosneft non è riuscita a vendere il petrolio nell'ambito di una maxi-offerta dopo aver chiesto il pagamento anticipato in rubli, il che significa che il principale produttore di greggio del Paese dovrà riuscire a indirizzare maggiori vendite verso acquirenti asiatici, attraverso accordi privati.

Lo hanno reso noto cinque trader.

Rosneft non è stata in grado di piazzare 6,5 milioni di tonnellate di petrolio di qualità di tipo Ural, Siberian Light, Sokol e Espo Blend in partenza dai porti russi nei carichi di maggio-giugno, perché non ci sono state offerte da parte degli acquirenti, secondo i trader.

Non è stato al momento possibile ricevere un commento da Rosneft.

I trader hanno spiegato che è stato estremamente difficile riuscire a soddisfare i termini della gara dopo che Rosneft ha chiesto il 100% di pagamento anticipato e la conversione del pagamento in rubli.

La vendita sarebbe stata abbastanza difficoltosa di per sé anche in assenza dei nuovi termini, hanno aggiunto gli operatori, dato che la maggior parte delle major europee e anche le società di trading internazionali stanno riducendo gli acquisti da Rosneft per prudenza nell'ambito delle sanzioni occidentali imposte alla Russia e a causa di diversi problemi di pagamento e consegne.

(Tradotto da Michela Piersimoni, editing Andrea Mandalà)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli