Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.250,37
    -433,37 (-1,46%)
     
  • Nasdaq

    10.724,72
    -326,92 (-2,96%)
     
  • Nikkei 225

    26.422,05
    +248,07 (+0,95%)
     
  • EUR/USD

    0,9789
    +0,0050 (+0,51%)
     
  • BTC-EUR

    19.688,11
    -424,54 (-2,11%)
     
  • CMC Crypto 200

    440,52
    -5,46 (-1,22%)
     
  • HANG SENG

    17.165,87
    -85,01 (-0,49%)
     
  • S&P 500

    3.643,33
    -75,71 (-2,04%)
     

Russia manda in orbita satellite iraniano - Agenzia spaziale russa

Un razzo Soyuz-2.1b con il satellite iraniano " Khayyam " decolla dalla rampa di lancio del Cosmodromo di Baikonur

MOSCA (Reuters) - La Russia ha lanciato in orbita un satellite iraniano dal sud del Kazakistan, appena tre settimane dopo che il presidente Vladimir Putin e la Guida Suprema Ali Khamenei si erano impegnati a lavorare insieme contro l'Occidente.

Il satellite di rilevamento remoto Khayyam, che prende il nome dal poeta e filosofo persiano dell'XI secolo Omar Khayyam, è stato lanciato da un razzo russo Soyuz dal cosmodromo di Baikonur, in Kazakistan, ed è entrato in orbita con successo.

Lo ha riferito l'agenzia spaziale russa.

L'agenzia spaziale iraniana ha ricevuto i primi dati telemetrici inviati dal satellite, secondo quanto riporta l'agenzia di stampa ufficiale Irna.

Teheran ha respinto le affermazioni secondo cui il satellite potrebbe essere utilizzato da Mosca per potenziare le capacità di intelligence in Ucraina, sostenendo che l'Iran avrà il pieno controllo delle operazioni "fin dal primo giorno".

Il Washington Post ha scritto la scorsa settimana che i funzionari statunitensi sono preoccupati dalla nascente cooperazione spaziale tra Russia e Iran, temendo che il satellite non solo aiuti la Russia in Ucraina, ma fornisca anche all'Iran "capacità senza precedenti" di monitorare potenziali obiettivi militari in Israele e nel Medio Oriente.

L'Iran afferma che il satellite è stato progettato ai fini della ricerca scientifica, tra cui il monitoraggio delle radiazioni e dell'ambiente per scopi agricoli.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Stefano Bernabei)